adv-119

ALESSANDRIA – Sul decoro della Cittadella di Alessandria e il suo utilizzo interviene Maurizio Sciaudone, presidente del gruppo consiliare di Forza Italia in Consiglio comunale. Il politico contesta le operazioni di manutenzione per permettere il regolare svolgimento delle manifestazioni, una spesa che grava sulle casse comunali, spiega, senza che gli organizzatori paghino nemmeno l’occupazione di suolo pubblico.

«A volte fin troppo spesso ci troviamo di fronte a scelte che sorprendono, come quella – spiega  Sciaudone – di impegnare dei fondi per sostenere la spesa del taglio dell’erba in Cittadella prima di una manifestazione di fine maggio, proprio mentre si lasciano altre zone della città con l’erba altissima». Sciaudone in particolare, dopo l’accesso agli atti fatto insieme al consigliere Mauro Bovone, contesta come sia emerso che la spesa sostenuta dal Comune di Alessandria per il taglio dell’erba in vista di una manifestazione di fine maggio si attesterebbe su oltre 2.300 euro, iva compresa. «Chi organizza le manifestazioni in Cittadella, visto che non paga l’occupazione del suolo pubblico, dovrebbe almeno tagliare l’erba, è il minimo. Il mettere a disposizione la fortezza alessandrina per delle iniziative, che sono spesso di natura privatistica, può andare bene, a patto che – dice Sciaudone – chi la usa si faccia carico dei costi di gestione. Questa è la linea corretta che dovrebbe avere l’amministrazione per rispetto dei cittadini e della città».

Sciaudone ricorda poi che «c’è il costo dell’energia elettrica, pari a 25.000 euro circa all’anno, sempre a carico delle casse pubbliche, e che resta aperto il nodo dei controlli all’interno della Cittadella e la definizione dei soggetti cui viene affidato, a che titolo e come, il controllo della struttura».

adv-188