Funerali vigili del fuoco alessandria
adv-910

ALESSANDRIA –  “Mi auguro che un giorno questo mondo possa diventare migliore, dove non esistono tragedie, malattie, povertà. Dove possa non esistere né il bene né il male, ma solo pace. 2020 accomodati pure, ma ti prego, quando andrai via non portarmi via nessun altro“. Elena, la vedova di Nino Candido, uno dei vigili del fioco morto insieme ai colleghi Marco Triches e Matteo Gastaldo nella notte tra il 4 e il 5 novembre nell’esplosione della cascina di Quargnento, affida ai social il suo dolore. Un dolore che accomuna le famiglie dei pompieri scomparsi mentre compivano il loro dovere.

Dolore che si legge anche nelle parole di Clarissa Bonetto, vedova di Marco Triches, che ha ricordato il marito in un post. “Quando quest’estate se n’è andata mi ha lasciato una malinconia diversa dalla solita estate che finisce, era come se perdessi qualcosa per sempre… Te ne avevo parlato perché non riuscivo a capire il motivo di questa emozione. Mai avrei pensato di perdere te e il nostro tempo insieme… Mi manchi troppo amore mio“, ha scritto.