Ora è ufficiale: scuole chiuse da domani sino al 15 marzo in tutta Italia

ROMA – “Per il governo non è stata una decisione semplice, abbiamo aspettato il parere del comitato tecnico-scientifico e abbiamo deciso di sospendere le attività didattiche da domani (giovedì 5 marzo, ndr) al 15 marzo“. L’annuncio è arrivato dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina parlando a Palazzo Chigi. Il provvedimento, mai preso prima, riguarda tutte le regioni d’Italia nell’ottica di arginare il diffondersi del coronavirus. Coinvolte le scuole di ogni ordine e grado oltre alle università per un totale di sette milioni e 682 mila studenti.

adv-775

In Piemonte, dove le scuole erano già state preventivamente chiuse sino all’8 marzo, l’impossibilità di accedere alle aule proseguirà per un’altra settimana sino al 15 dello stesso mese. La Regione ha già comunque attivato una task force – composta dal consorzio TopIx, Miur, Csi Piemonte e della Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo – per eseguire “un censimento delle scuole piemontesi che hanno già avviato l’attività online e per accompagnare quelle meno attrezzate nella transizione dalla didattica tradizionale a quella in rete“, si legge in una nota proveniente da Palazzo Lascaris. Questo perché il Piemonte ha intenzione di far riprendere le lezioni ai ragazzi a distanza grazie all’ausilio della tecnologia.

In accordo con l’Unità di Crisi e con l’assessorato alla Sanità, sarà inviata una richiesta a tutti i sindaci per verificare la possibilità di mettere anche a disposizione locali connessi alla rete dedicati agli studenti che non sono in possesso di strumenti digitali per seguire l’attività didattica. I locali dovranno essere conformi alle disposizioni di sicurezza per evitare la diffusione dei contagi da Covid-19. Nei prossimi giorni verranno dati maggiori dettagli sullo svolgimento del servizio.