Coronavirus: le fake news corrono su WhastsApp e la Regione lancia l’allarme

PIEMONTE – Non dovrebbe essere così, ma sempre più spesso emergenza coincide anche con fake news. Nei giorni scorsi, con l’aumento dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus, diverse notizie inventate sono state divulgate sui social network. Anche ad Alessandria sono stati molte le bufale che hanno serpeggiato nel web.

adv-874

L’assessore al Digitale della Regione Piemonte, Matteo Marnati, ha invitato a considerare come falsi i messaggi audio di presunti operatori sanitari che in queste ore stanno diffondendo notizie attraverso WhatsApp riguardanti la diffusione del Covid-19 piuttosto che sulle condizioni di lavoro all’interno degli ospedali o addirittura di singoli pazienti.

In queste ore si stanno diffondendo tramite i social comunicazioni allarmistiche che allarmano la popolazione. Si tratta di sciacalli che usano questi mezzi per diffondere il panico“, ha spiegato l’assessore. Che poi ha voluto specificare come “le notizie che addirittura raccontano storie personali di operatori di qualsiasi categoria sono da considerarsi bufale e dunque destituite di ogni fondamento. La popolazione deve sapere che le informazioni ufficiali vengono diramate soltanto dalle istituzioni. Chi diffonde notizie di questo tipo, tra l’altro, è penalmente perseguibile per procurato allarme. Mi auguro che la Polizia Postale indaghi per individuare i responsabili“.

adv-385