CASALE MONFERRATO – “Tutte le restrizioni devono essere vissute come un aiuto a superare questo difficile momento nel minor tempo possibile. Stiamo affrontando una prova molto dura, ma ne usciremo se continueremo a essere uniti“. Lo dice il sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi. Il primo cittadino ha anche comunicato che per agevolare le consegne a domicilio fino al 3 aprile è stata sospesa la Ztl del centro storico.

Intanto il Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile prosegue senza la distribuzione delle mascherine alle fasce più a rischio della popolazione. “La priorità, in questo momento, è quella di ridurre al massimo i contatti tra persone per questo invito ancora una volta tutta la popolazione a non uscire! È stata messa in atto una serie di iniziative per agevolare la permanenza in casa e vi chiedo di utilizzarle, come la consegna a domicilio di spesa, cibo e farmaci“, ha spiegato Riboldi. Nella busta dove si trovano le mascherine è anche presente una lettera con utili informazioni pratiche. È quindi importante ricordare che nessun volontario della Protezione Civile, dipendente del Comune o agente di Polizia Locale entrerà in casa. “Nella lettera di accompagnamento ho spiegato che avere la mascherina non significa, però, poter uscire, anzi! Per sconfiggere il virus è fondamentale rimanere a casa“, ha sottolineato ancora il sindaco di Casale.

Di seguito i servizi a disposizione dei cittadini per evitare di uscire:

adv-815

Servizio di spesa e farmaci a domicilio (per quarantenati, sintomatici, anziani, immunodepressi e persone fragili – Comitato di Casale Monferrato della Croce Rossa Italiana 0142 452258 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 11,00)

Pasti, alimenti, prodotti per l’igiene, intimo e molto altro sono recapitati a domicilio direttamente dalle attività commerciali del territorio – Per sapere quali sono è possibile visitare a pagina www.comune.casale-monferrato.al.it/CoronaVirus-mappa oppure telefonare all’Urp – Ufficio Relazioni con il Pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00: 0142 444339.

Infine, per i malati affetti da gravi patologie che non hanno ancora compiuto i 65 anni, è possibile contattare la Protezione Civile 0142 444 217 e il numero 0142 444209, dalle ore 9,00 alle ore 12,30 e dalle ore 14,00 alle ore 17,30 (attivo dal lunedì al venerdì) o inviare una e-mail all’indirizzo [email protected], per richiedere le mascherine chirurgiche.

adv-333