Infermieri, Polizia e Vigili del Fuoco scrivono a Cirio: “Rivediamo il modello dell’Emergenza”

TORINO – I sindacati di infermieri, Polizia e Vigili del Fuoco hanno scritto una lettera indirizzata al Governatore del Piemonte Alberto Cirio per chiedere maggiori tutele e i giusti riconoscimenti per il lavoro che quotidianamente svolgono. Secondo le categorie sociali “lo stravolgimento globale determinato dal Covid-19 ha reso necessaria la riconfigurazione del dispositivo di risposta presidiato dalle Forze di Polizia, dal Soccorso Tecnico Urgente e dall’Emergenza Sanitaria territoriale, approfittando del cosiddetto tempo di pace“.

Per questo viene chiesto “da molto tempo una riconfigurazione del dispositivo di emergenza in chiave interforze, un’esigenza presentata l’anno scorso attraverso il Manifesto Piemonte Sicuro all’allora candidato Presidente Cirio, che ne sottoscrisse i contenuti senza esitazione. Per queste ragioni, vista l’inutilità delle audizioni precedenti presso le Commissioni in indirizzo, nel richiediamo l’apertura di un tavolo di lavoro che adotti soluzioni orientate ad una filosofia dell’intervento comune, pur declinando nel dettaglio le specificità per ogni singolo ente“. I sindacati si auspicano ora in “una celere risposta a quanto richiesto“.

Leggi qui la Lettera al presidente Cirio