adv-901

ALESSANDRIA – Non centrano nulla con il torneo di basket organizzato domenica scorsa ma anche loro tengono al futuro e al decoro del parco Carrà. Sono i ragazzi dello skate park, un gruppo di giovanissimi che da qualche mese hanno tessuto fitte relazioni con l’amministrazione comunale e l’Assessore al Verde pubblico, Giovanni Barosini, per parlare delle problematiche legate a una delle aree verdi tra le più frequentate della città di Alessandria.

Vogliamo lavorare tutti insieme per un miglioramento importante del parco“, spiega Camilla Robotti tra i portavoce dei ragazzi dello skate. Un miglioramento che si identifica in una “migliore illuminazione notturna per garantire la sicurezza dei cittadini, cestini per la pulizia, maggiori controlli, al ripavimentazione della pista da pattinaggio, alla cura del verde“. Insomma delle migliorie che portino a “cambiare il pubblico che frequenta il parco Carrà, un’area verde molto bella ma che  purtroppo negli ultimi anni non ha goduto di fama positiva“.

Ecco che nei mesi scorsi questi ragazzi e altre associazioni si sono interfacciati con il Comune di Alessandria trovando le prime aperture, “soprattutto per un discorso di sicurezza. Grazie anche all’intervento dell’Assessore Barosini sono state messe a posto le ringhiere delle rampe che noi ci siamo impegnati a ridipingere e altri piccoli interventi per tamponare la situazione“, spiega ancora Camilla. Ma il discorso deve essere ben più ampio e riguarda il benessere dell’intero parco. Anche per questo Camilla e il suo gruppo tende la mano ai “ragazzi del basket. Perché anche noi come loro stiamo lavorando per un’opera di riqualificazione importante“.

adv-622

In questo senso i ragazzi dello skate park stanno organizzando “una serata, sempre che le regole del distanziamento sociale e l’emergenza Covid-19 lo dovessero permettere, per sensibilizzare amministrazione e popolazione sulla situazione del Carrà“. Ma ci sarà spazio anche per lo sport “con un contest di skate e per questo apriamo e tendiamo la mano ai ragazzi del basket e del calcetto per provare a organizzare qualcosa di importante“.