Prefettura Alessandria
adv-391

ALESSANDRIA – Si è tenuta nella mattinata del 24 novembre, in videoconferenza, una riunione per fare il punto sull’andamento dell’emergenza epidemiologica in provincia di Alessandria oltre che sulle attivazioni poste in essere da tutte le amministrazioni competenti. All’incontro, presieduto dal Prefetto Iginio Olita, hanno partecipato il Presidente della Provincia Baldi, i Sindaci dei centri zona dell’Alessandrino, il Questore Morelli, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Rocco, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Pucciarelli, il Commissario dell’Asl-Al Galante e il Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria Centini.

Da Asl e Aso hanno sottolineato come l’andamento dell’epidemia nella nostra provincia è attualmente sotto controllo ed è conseguentemente diminuita la pressione sulle strutture ospedaliere. Per quanto riguarda in particolare l’Ospedale di Alessandria, sono stati trasferiti alcuni pazienti in altri nosocomi, contribuendo così a favorire una ripresa delle normali attività. Il dottor Galante ha inoltre riferito che in tutti i sette Comuni centri zona sono state attivate postazioni anche in modalità “drive -in” o “drive – through” per l’effettuazione dei tamponi rapidi alla popolazione.

I sindaci hanno confermato l’ottimo rapporto di collaborazione instaurato con Asl e Aso, anche a livello di medicina territoriale e Medici di base. Hanno inoltre rilevato una situazione generale in lieve miglioramento, anche nelle strutture ospedaliere delle rispettive città, evidenziando invece qualche preoccupazione per la presenza di ospiti positivi nelle Residenze socio – assistenziali. A tal proposito, il Commissario dell’Asl ha precisato le modalità per l’assunzione e la formazione immediata di nuovo personale laddove necessario.

adv-896

I Responsabili delle Forze di Polizia, infine, hanno riferito circa l’attività di controllo sul rispetto delle norme di prevenzione del rischio epidemiologico, sottolineandone il carattere collaborativo ed evidenziando che la grande maggioranza dei cittadini e delle imprese si attiene alla normativa in modo molto responsabile.