adv-229

PIEMONTE – Da oggi, domenica 29 novembre 2020, il Piemonte è ufficialmente entrato nella zona arancione. Il che vuol dire la riapertura dei negozi al dettaglio, dei centri estetici, delle toelettature per animali e i mercati. La Regione ha emesso un’ordinanza anche sul fatto che gli esercizi commerciali potranno tenere aperti dalle 5 di mattino sino alle 22 di sera con orario continuato per evitare assembramenti ma anche per recuperare il ‘tempo perso’ causato dalla chiusura per il lockdown.

Le linee guida generali ricalcano sostanzialmente quelle già adottate fino ad ora, ovvero l’obbligo di indossare la mascherina, il lavaggio frequente delle mani da parte degli operatori, il mantenimento delle distanze per evitare assembramenti, la rilevazione della temperatura all’ingresso. Ma a queste se ne sono aggiunta altre e più specifiche.

Tutti i locali dovranno predisporre un’adeguata cartellonistica, ben visibile dall’esterno, che indichi il numero massimo di persone possibili all’interno del locale. In quelli fino a quaranta metri quadrati potrà accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori. Per locali di dimensione superiori l’accesso è invece regolamentato in funzione degli spazi disponibili. Sono consigliate prenotazioni tramite telefono, programmi digitali, quali App o siti web, per ridurre la gestione delle code.

adv-830

“Il passaggio da zona rossa a zona arancione consente, da domani, in Piemonte di spostarsi liberamente all’interno del proprio comune di residenza senza autocertificazione. Rimane invece vietato uscire dal proprio comune e dalla regione se non per motivi di lavoro, studio, urgenza, salute o altre necessità previste dalla legge“, spiegano dalla Regione.