Cirio: “Sarei stato un irresponsabile se non avessi confermato la didattica a distanza”

TORINO – “In Piemonte non stiamo tenendo le scuole chiuse, ma la seconda e terza media in didattica a distanza. Io che ho in mano documenti, dati e conosco il monito degli epidemiologi, se non avessi fatto così sarei stato un irresponsabile“. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, ai microfoni di Radio Veronica One. Il governatore è tornato a parlare della sua decisione di prolungare sino al 23 dicembre la dad nonostante la regione sia entrata da domenica in zona arancione. “Non dimentichiamo, quando si richiama la didattica in presenza, che esiste una didattica a distanza che sta funzionando grazie allo sforzo di tanti professori e insegnanti“.

Cirio ha poi bacchettato i piemontesi sugli assembramenti che si sono verificati nella giornata di ieri a Torino e in altre città piemontesi: “Quello che ho visto ieri in alcune vie a Torino è qualcosa che mi riporta con la mente in estate e non possiamo permettercelo. Questa mattina parteciperò al Comitato per l’Ordine pubblico e chiederò al prefetto interventi rigorosissimi“.