Immagine Il gusto del Monferrato: la ricetta del paté di tonno e patate
adv-626

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Il format enogastronomico di Radio Gold, Il gusto del Monferrato, è pronto a sorprenderci nuovamente con una ricetta squisita in grado di sorprendere i vostri commensali, lasciandoli a bocca aperta. Si tratta del paté di tonno e patate, un antipasto particolarmente apprezzato e, al contempo, semplice da preparare, soprattutto se si seguono le preziose indicazioni di Eleonora Viale, esperta dei segreti della cucina tradizionale piemontese. Prima di capire quali ingredienti servano, qualche veloce cenno storico.

“Questa ricetta è della bisnonna Maria, cuoca di professione. La preparava a tutte le feste comandate, anche se principalmente era il piatto di Natale; non doveva mai mancare in quest’occasione – spiega Eleonora Viale. È un antipasto molto gustoso e molto semplice da preparare. Con pochi ingredienti, si ottiene il massimo risultato, riuscendo a stupire i commensali. Ricetta di origine francese – quella del patè in generale -, trova in questa versione, grazie alle patate, un punto di leggerezza e di gradevolezza in più, senza cadere nello stucchevole. Vediamo ora come si prepara”.

adv-733

INGREDIENTI – Ecco quali ingredienti servono per sei persone:

– 400 grammi di tonno sott’olio di buona qualità;
– 200 grammi di patate lessate;
– 3 cucchiaini di capperi sott’aceto;
– 100 grammi di burro;
– 300 grammi di maionese;
– 2 acciughe sott’olio di media grandezza;
– 2 cucchiai di Rum;
– sale quanto basta;
– olive e sottaceti per decorare;

PREPARAZIONE – Scolate il tonno dall’olio, raccoglietelo in un mixer e frullate con l’acciuga, i capperi, il Rum e due cucchiai di maionese. Per quanto riguarda quest’ultima, nel caso in cui non la voleste preparare da zero, potrete acquistarla già pronta. Tenete da parte quella rimasta per decorare il patè una volta pronto. Schiacciate le patate ancora tiepide e unite il burro a temperatura ambiente a tocchetti; aggiungete, quindi, due pizzichi di sale. Mescolate sino a quando il composto diventa omogeneo. A questo punto, potete unire il tonno frullato precedentemente; mescolate di nuovo per bene. Mettete il composto nello stampo che più vi piace. “Io uso una cupoletta in alluminio foderata con pellicola alimentare, per poterlo poi rovesciare su un piatto da portata. Prima di poterlo sformare, però, deve riposare quattro ore in frigorifero. Una volta pronto, rovesciatelo sul piatto da portata e spatolatelo con la maionese ben fredda. Decorate a piacere con olive e sottaceti ben scolati e con qualche ciuffo di maionese fatto con la sac à poche. Farete un figurone” – spiega Eleonora.

CONSIGLIO – Infine, come da consuetudine, un piccolo consiglio. Per questo piatto, che farà sicuramente parte di una carrellata di altri antipasti – com’è d’abitudine in Piemonte per Natale – si consiglia di abbinare delle bollicine: un Asti Spumante oppure, in alternativa, una Ribolla Gialla di Cormons sono ideali.

Foto di Eleonora Viale