Il 29 gennaio ultimo giorno per la domanda del contributo per i lavoratori in disagio economico

TORINO – È stato posticipato al 29 gennaio 2021 il termine per la presentazione della domanda per contributi individuali una tantum di 600 euro ai lavoratori in disagio economico. A comunicarlo è stata la Regione Piemonte e l’Assessorato al Lavoro guidato da Elena Chiorino. Il motivo di questa proroga si deve rintracciare nei ritardi nella presentazione delle domande a causa del periodo festivo appena concluso.

Il contributo individuale una tantum di 600 euro è a favore delle lavoratrici e dei lavoratori in disagio economico e senza ammortizzatori sociali. Il bando è stato realizzato dall’Assessorato regionale al Lavoro, in collaborazione con Finpiemonte, Csi e parti sociali. Il fondo, da 10 milioni di euro, si rivolge a chi abbia visto il proprio rapporto di lavoro sospeso o cessato dopo il 23 febbraio 2020, senza percepire retribuzione da marzo a maggio 2020 a causa dell’emergenza Covid-19, nonché sia privo di prestazioni previdenziali o assistenziali.

adv-853

I beneficiari sono lavoratori dei fallimenti, domestici conviventi, lavoratori della ristorazione di imprese che hanno continuato a lavorare nel periodo da marzo a maggio 2020 con riduzione di orario, impiegati nella fornitura di pasti preparati e nei servizi di ristorazione in self-service. Inoltre sono inclusi i collaboratori coordinati continuativi con contratto sospeso o cessato da marzo a maggio 2020. La misura intende fornire un sostegno anche a quei lavoratori “dimenticati” dal decreto legge del 17 marzo 2020, convertito poi in legge il 24 aprile, che aveva ampliato in modo straordinario il ricorso agli strumenti di sostegno al reddito come la cassa integrazione ordinaria e in deroga.

Per facilitare la compilazione della domanda, alla pagina, nella sezione “documentazione bandi”, è disponibile un tutorial che supporta nella comprensione di tutte le fasi della procedura informatica di compilazione. Qui invece è possibile recuperare un elenco completo delle tipologie di beneficiari, insieme alle informazioni specifiche sulla misura è disponibile alla pagina.

Photo by Christopher Burns on Unsplash