AstraZeneca raccomandato agli over 60, Locatelli: “Ok a seconda dose anche per le altre fasce”
adv-327

ITALIA – “Non è l’eutanasia, né il funerale del vaccino AstraZeneca“. Il professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore della Sanità, ha rassicurato rispetto al vaccino britannico, da ieri sera raccomandato in Italia agli over 60.Un vaccino assai efficace e utile per proteggere la popolazione più esposta al rischio di sviluppare il covid in forma grave ha sottolineato Locatelli “la scelta di raccomandare l’uso preferenziale agli over 60 raggiunge un duplice obiettivo: concentra la campagna vaccinale su chi è più a rischio e protegge da quel minimo di rischio chi è esposto alla maggior probabilità di evidenziare quelle rare complicanze, legate alla prima somministrazione”. 

Locatelli ha poi rassicurato gli under 60 che hanno già effettuato la prima dose di AstraZeneca e attendono di fare il richiamo: “Possono ricevere tranquillamente la seconda dose, questo vaccino è stato approvato da Ema agli over 18 anni, non è proibito somministrarlo a chi ha più di 18 anni. Non c’è alcuna evidenza che suggerisca l’opportunità di cambiare il vaccino per la seconda dose per chi ha ricevuto la prima di Astrazeneca. Tutti i rari eventi avversi si sono infatti verificati dopo la prima vaccinazione, non dopo la seconda. Inoltre non ci saranno dosi di vaccino AstraZeneca perse, visto che in Italia ci sono ben 13 milioni e mezzo di persone tra i 60 e i 79 anni”.

“AstraZeneca è un buon vaccino ha aggiunto Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute “i dati inglesi lo confermano. Anche con una sola dose gli inglesi hanno abbattuto la morbilità e la mortalità in maniera eccezionale. In Italia, purtroppo, abbiamo registrato una cifra enorme di morti. Per questo dobbiamo aumentare la capacità vaccinale”.