Anziani legati a sedie e carrozzine in 9 Rsa su 10 in Piemonte: lo studio choc del Difensore Civico

AGGIORNAMENTO ORE 17.47 – La descrizione della situazione nelle Rsa non può sottostare a facili generalizzazioni che facciano risaltare solo alcuni aspetti dell’assistenza rivolta agli ospiti anziani e fragili presenti nelle strutture“. Questo il commento che il Tavolo Interassociativo del settore assistenziale socio-sanitario che replica di fatto allo studio presentato dal Difensore a Palazzo Lascaris. Clicca qui per approfondire.

PIEMONTE – Sono choc le rivelazioni del Difensore Civico del Piemonte – e riportate da laRepubblica – al termine di uno studio condotto sulle Rsa presenti in regione. Nell’88% delle case di riposo, pubbliche e private, è norma bloccare anziani alla carrozzina o alla sedia attraverso contenzioni. Nel 61%, invece, gli anziani vengono immobilizzati anche quando sono a letto. Lo studio è stato realizzato nel 2019 dall’avvocato Augusto Fierro, Difensore Civico della Regione che lascerà il suo incarico a maggio di quest’anno a causa di motivi personali oltre che di attriti con l’assessore alla Sanità Luigi Icardi. Allo studio hanno partecipato 430 residenze per anziani su 620 interpellate.

adv-89

L’indagine ha messo in mostra come nelle Rsa sul territorio regionale vengano contenuti quegli anziani affetti da demenza (salvo prescrizione medica e rilascio da parte dei parenti dell’apposito consenso) o con comportamenti autolesivi. Ma le contenzioni, come spiega il Difensore Civico, sono utilizzati anche come semplice metodo per evitare cadute notturne dal letto che potrebbero ledere alla salute del paziente. Una pratica spesso utilizzata, sempre secondo quanto riportato da laRepubblica a causa di carenza di personale, sovente in numero inadatto per la gestione dei pazienti delle strutture. “È risultata evidente la prassi di usare strumenti di contenzione meccanica sui pazienti nelle Rsa, fatto che appare in contrasto con la legge“, spiega Fierro come riporta laRepubblica. Nella mattina di ieri, martedì 28 aprile 2021, il Difensore Civico ha presentato la sua relazione a Palazzo Lascaris davanti al Consiglio Regionale. Fierro ha anche sottolineato come, a causa del Covid-19, il fenomeno sarebbe addirittura peggiorata, proprio a causa della difficile situazione che nell’anno della pandemia ha colpito anche e soprattutto il personale infermieristico e socio sanitario.