Il M5S sull’incidente al cantiere Amazon: “Istituire una Procura nazionale del Lavoro”

ALESSANDRIA – Il Movimento 5 stelle ha espresso in una nota la propria vicinanza alle famiglie delle vittime coinvolte nell’incidente che si è verificato questa mattina nel cantiere Amazon di Alessandria. “Pensiamo non si accettabile morire in cantiere nel 2021 ed auspichiamo che le Forze dell’Ordine e la magistratura facciano presto piena chiarezza sulle dinamiche e sulle eventuali responsabilità di questa tragedia”, spiegano i pentastellati. “Da troppi anni la nostra regione risulta in vetta alle classifiche delle morti bianche, bel 107 solo nel 2020. Una vera e propria strage, silenziosa, che si consuma giorno dopo giorno”, si legge ancora.

Nel comunicato si sottolinea anche la necessità dell’istituzione di una Procura nazionale del Lavoro, dedicata all’indagine e alla prevenzione degli incidenti sul posto di lavoro: “Serve investire in formazione, informazione e prevenzione, controlli ed indagini più efficaci”. La creazione di questo ente è una proposta presente nel Ddl presentato in Senato dallo stesso Movimento 5 stelle: “Una struttura speciale, composta da un pool di magistrati dedicati all’indagine ed alla prevenzione degli incidenti sul luogo di lavoro. La Procura nazionale sarebbe uno strumento fondamentale per la raccolta dati, per evitare la frammentazione delle indagini e rappresenterebbe un punto di riferimento per i molteplici organi di vigilanza”, conclude.

A firmare il comunicato sono stati gli esponenti alessandrini del Movimento: Susy Matrisciano (Senatrice e Presidente commissione lavoro e previdenza sociale), Tiziana Beghin (Capo delegazione M5s Europa), Sean Sacco (Capogruppo regionale M5s Piemonte), Michelangelo Serra (Presidente gruppo consiliare M5s Alessandria), Francesco Gentiluomo (consigliere comunale M5s Alessandria).