In carcere l’autore delle spaccate, Questore di Alessandria: “La Polizia c’è sempre”
adv-488

ALESSANDRIA – Dopo l’arresto di Onofrio Paolo Flagello, il 38enne ritenuto responsabile delle spaccate nel centro di Alessandria, il Questore Sergio Molino si è complimentato con gli uomini della Squadra Mobile, della Scientifica e delle Volanti “per il lavoro meticoloso e certosino”. “Ci tenevamo a concludere positivamente queste indagini, visto che questa serie di fatti aveva creato un comprensibile allarme sociale, in una città solitamente tranquilla. Abbiamo raggiunto un risultato particolarmente importante, in tempi ragionevoli” ha sottolineato il Questore Molino “voglio ribadire che la Polizia c’è sempre, garantiamo sempre il massimo impegno nella gestione dell’ordine pubblico, rispondendo alle esigenze di sicurezza della popolazione”.

Le indagini erano scattate lo scorso 22 marzo, giorno della prima spaccata nel centro di Alessandria. Alla fine di aprile la Squadra Mobile aveva anche perquisito l’appartamento del 38enne, trovando all’interno dei vestiti riconosciuti dai filmati delle telecamere. L’uomo non era in casa e, visto il clamore mediatico che avevano suscitato le prime spaccate, aveva deciso di prendersi una pausa, andando a Napoli e nella zona di Novi. Dal 18 luglio, però, aveva ricominciato ad agire. Nel frattempo il suo cane era stato affidato dalla Polizia a dei parenti.

“Aveva il solito modus operandi” ha sottolineato Marco Poggi, dirigente della Squadra Mobile della Questura “utilizzava di solito un basamento di cemento per sfondare la vetrina e, una volta dentro, prendeva quello che poteva, scappando poi in bicicletta”. Lo scorso 19 aprile, inoltre, Flagello aveva anche rapinato la titolare di una tabaccheria in via Mazzini, ad Alessandria, sottraendole una borsa con all’interno un rolex e dei monili in oro. Anche la testimonianza della signora resa ai Carabinieri giunti sul posto è stata molto utile per le indagini della Questura.