A Casale terminati i lavori urgenti al velivolo appartenuto a Natale Palli. Avviata una raccolta fondi

CASALE – Sono terminati pochi giorni fa gli interventi in somma urgenza che hanno interessato alcune parti del velivolo Ansaldo A.1. Balilla appartenuto a Natale Palli, e donato nel 1922 dalla famiglia al Comune di Casale Monferrato.

adv-605

I preziosi lavori hanno permesso il consolidamento di alcuni punti degli intelaggi dell’ala superiore e del timone di coda in avanzato stato di degrado e a rischio conservazione: «Sotto la sorveglianza della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia Autonoma di Trento – ha spiegato il sindaco Federico Riboldi abbiamo incaricato un restauratore qualificato affinché intervenisse prontamente per bloccare il degrado fisico dei punti particolarmente ammalorati e a rischio di perdita irreversibile, compromettendo definitivamente l’intero lavoro di restauro e la conservazione di un bene così importante non solo per la storia della Città e del territorio, ma anche per la storia aeronautica nazionale».

Nella relazione finale del professionista del restauro incaricato dal Comune, in particolare per quanto riguarda il timone, si legge: «Come primo intervento sono stati eseguiti test preventivi di pulitura, volti alla rimozione dei depositi superficiali, quali, particellato superficiale, sostanze oleose da fumo e stratificazione di polveri, esclusivamente circoscritti alle zone da bloccare». Si è quindi passati a creare varie fasce adesive, poste nel verso della seta, saldate nella parte sana delle lacerazioni: «Intervento particolarmente difficile, data la mancanza di un supporto rigido sul quale appoggiare la seta», si legge ancora.

La stessa metodica di intervento è stata poi applicata anche all’ala, dove inoltre «è stato ideato l’impiego di lastre in cartoncino non acido dai vari spessori, predisposti in precedenza secondo le misure e le forme delle lacune, inserite all’interno dai pertugi che ne consentivano l’ingresso».

Il prossimo passo sarà quello di mettere in opera analoghi interventi di messa in sicurezza e conservazione agli intelaggi delle semi-ali inferiori, condizione indispensabile per poter dare avvio agli attesi lavori di restauro degli intelaggi, della fusoliera (in particolare, delle decorazioni pittoriche) e delle varie componenti metalliche, affinché si possa finalmente giungere al ritorno a Casale Monferrato dell’importante velivolo. Lo stato conservativo attuale, infatti, non ne permette al momento lo spostamento, così come previsto dal Codice dei beni culturali.

Per il reperimento dei fondi per coprire le spese del primo lotto dei lavori di restauro del Balilla, che è pari a circa 390 mila euro, il Comune di Casale Monferrato ha avviato una raccolta sul portale Art bonus, misura che offre ai donatori la possibilità di usufruire di un credito d’imposta del 65% per le erogazioni liberali in denaro per lavori di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici. Le donazioni rientranti nell’Art bonus, inoltre, non concorrono alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, comprese le relative addizionali regionali e comunali.

In prima fila, insieme al Comune, per la campagna di raccolta fondi c’è l’associazione Arma Aeronautica di Casale Monferrato: «Con la collaborazione dell’Unità di missione strategica per la tutela e la promozione dei beni e delle attività culturali della Provincia autonoma di Trento – hanno spiegato il presidente Flavio D’Andria e il vicepresidente Attilio Ricaldone – avvieremo una serie di incontri e di iniziative volte a illustrare il progetto di restauro e l’importanza storico – artistica del velivolo, per sensibilizzare imprese, associazioni, circoli, scuole, fondazioni e semplici cittadini affinché l’Art Bonus sia di incentivo a donare i fondi necessari a restituire alla città un così importante cimelio che, lo ricordiamo, ha richiamato l’attenzione di diversi esperti mondiali nella conservazione di beni storico-aeronautici».

Per avere tutte le informazioni necessarie sul velivolo e per fare una donazione è possibile visitare la pagina del Comune di Casale.