Un giorno in apprensione per Alexander, sindaco Olivola: “Era scappato anche nel 2021, temevamo il peggio”

OLIVOLA – “Dopo più di un giorno di ricerche prevale senza ombra di dubbio la soddisfazione: Alexander è vivo e sta bene. Per il resto non voglio entrare nel merito: ci penserà la sua famiglia“. Così il sindaco di Olivola, Gianmanuele Grossi, ha raccontato la lunghissima giornata di lavoro, alla ricerca del suo giovane compaesano Alexander Doria, ritrovato questo sabato sera intorno alle 20 da una amica di famiglia nella zona della stazione di Casale e poi accompagnato in Caserma dai Carabinieri di Balzona e Vignale, diretti dal Capitano Cristian Tapparo. 

“Ad aprile del 2021 era successo un fatto simile. Alexander si era allontanato da casa alla sera ma in quel caso era stato ritrovato al mattino” ha raccontato il primo cittadino del piccolo paese monferrino “in quell’occasione era andato via in bici e aveva portato con sé il sacco a pelo. Questa volta, invece, ha preso l’auto del padre, ritrovata poi in regione Stramba, nel Comune di Camagna“. Sembra che alla base di questa nuova fuga del giovane ci sia stato un diverbio col padre: “Il suo cellulare aveva poi agganciato la cella che si trova a Frassinello. Ancora non sappiamo dove possa aver passato la notte e come sia riuscito a raggiungere Casale, se a piedi o in autostop. Di certo noi tre sindaci di questi Comuni abbiamo cercato di indirizzare al meglio le ricerche, segnalando anche eventuali zone di potenziale pericolo. In questi casi, purtroppo, si teme il peggio. Nelle nostre zone, infatti, ci sono diversi pozzi privati o laghetti. Per fortuna tutto è finito bene”.