Samoiedo di 3 mesi ferito a morte da Pitbull: “Ora Pozzolo ha paura”
adv-522

POZZOLO FORMIGARO – Alcuni cittadini di Pozzolo Formigaro sono letteralmente terrorizzati dopo quanto avvenuto nei giorni scorsi in paese. Il motivo dell’inquietudine risiede nell’aggressione mortale avvenuta venerdì 26 agosto 2022 ai danni di un cucciolo di samoiedo, Koda, ferito mortalmente da due Pitbull. Il cane, di soli 3 mesi, era a spasso con il suo padrone, un ragazzo di 18 anni che aveva tanto desiderato quel cane. Quella che doveva essere una piacevole passeggiata però si è trasformata in un incubo quando improvvisamente, in una via con un unico accesso, sono comparsi i pitbull. Il giovane ha preso in braccio Koda per  proteggerlo dalla furia improvvisa dei due animali, ma l’azione disperata e generosa è risultata vana: il cane è stato azzannato alla zampa e ai polmoni. Sul posto sono arrivati in soccorso i familiari del ragazzo e il samoiedo è stato subito preso in braccio e caricato in auto per raggiungere la clinica veterinaria e tentare un salvataggio disperato. Tutto è stato inutile perché Koda è spirato prima ancora di ricevere le cure mentre il ragazzo ha subito ferite giudicate guaribili in 10 giorni.

Una tragedia che ha segnato il giovane padrone del cane, sconvolto da una scena terribile come ha raccontato la madre, Monica. “Solo un miracolo ha impedito il peggio, mio figlio ha riportato graffi e tagli alle gambe e al volto. Incredibilmente i cani non hanno raggiunto la gola altrimenti sarebbe successo l’irreparabile”. Ma se le conseguenze fisiche sono state limitate, decisamente più profonde sono quelle psicologiche, continua la donna: “Andremo dallo psicologo perché quanto avvenuto ha segnato Jacopo in modo lancinante. Vede Koda in ogni angolo e ha perso completamente il sorriso. Quel cane lo aspettava da sei anni ma non era mai stato possibile prenderlo, ora, che mio figlio è diventato grande, a luglio, gli abbiamo fatto questo regalo ed era al settimo cielo dopo averlo aspettato così tanto. Una gioia stroncata da una vicenda assurda e che ora temiamo possa avere ripercussioni. Per questo andremo da uno psicologo proprio oggi”.

Questa vicenda per giunta era stata preceduta da un’altra aggressione a un’altra proprietaria di cane. In questo caso, sempre il 26 agosto, un border collie si è visto attaccare dai pitbull, autori di altri morsi feroci, sebbene non mortali, che si sono aggiunti ad “attimi di terrore dopo che la proprietaria di 70 anni era stata scaraventata a terra con i cani che hanno raggiunto il centro del paese scatenando l’inferno”. Tutto questo, spiegano i cittadini, “non è accettabile ed è ingiusto che un intero paese sia terrorizzato dal rischio di nuove aggressioni”. Per questo motivo un gruppo di pozzolesi ha intenzione ora di raccogliere delle firme chiedendo l’allontanamento degli animali a tutela dell’incolumità pubblica. Del fatto è stato informato il sindaco, Domenico Miloscio, già impegnato nel cercare di risolvere la situazione. Il primo cittadino ha spiegato a RadioGold che intende “convocare i proprietari dei Pitbull per chiedere spiegazioni e trovare una soluzione. Stiamo cercando di capire come vengano tenuti per muoverci di conseguenza e impedire che questi episodi possano ricapitare”.

La richiesta di aiuto, spiegano i cittadini, vuole evitare nuove tragedie e riportare un clima di serenità in un paese che “ora vive nel timore”.