“Pronto soccorso di Acqui e Tortona a rischio chiusura”: il sindacato infermieri Nursind lancia l’allarme

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – “Inaccettabile e offensiva”. Così la segreteria territoriale del Nursind Alessandria, il sindacato delle Professioni Infermieristiche, ha commentato l’ipotesi di chiusura dei pronto soccorso degli ospedali di Acqui e Tortona. Secondo il sindacato, infatti, a ventilare questo scenario sarebbe stato proprio il direttore generale di Asl Luigi Vercellino, durante un incontro con le parti sociali. “Ha affermato che la soluzione del problema della carenza del personale potrebbe anche essere chiudere i due pronto soccorso” ha sottolineato il sindacato che ha quindi espresso “seria preoccupazione”. 

adv-254

Il NurSind-Cgs si era confrontato con Asl per far fronte alla carenza di personale “che non consente il rispetto di alcuni dettati contrattuali, oltre a non garantire standard adeguati“. “L’ipotesi di chiusura dei due pronto soccorso pensiamo non sia lontana da una eventuale strategia e sarebbe offensiva per operatori e cittadini nel caso fosse una provocazione o una minaccia in un momento di estrema criticità. Forse il direttore dimentica che ha dirette responsabilità sulla garanzia di tutela della salute dei cittadini e a loro deve rispondere in primis ha sottolineato Salvatore Lo Presti, segretario territoriale del NurSind-Cgs di Alessandria.

“Chiederemo all’assessore se l’ipotesi ventilata dal direttore generale sia anche frutto di una strategia regionale” ha aggiunto Francesco Coppolella, Segretario regionale del NurSind-Cgs “se la risposta alla carenza di personale  è “tagliamo i servizi essenziali”, ne prendiamo atto, ma sentiamo il dovere di informare i sindaci del territorio che ricordiamo essere anche responsabili della tutela della salute dei propri cittadini. Noi come NurSind-Cgs non staremo a guardare”. 

adv-563