Multe e sanzioni pro capite: ad Alessandria nel 2021 media di 40 euro

ALESSANDRIA – Non solo tasse e imposte tra le entrate delle amministrazioni ma anche le temute multe, ammende e sanzioni, tutti quegli introiti derivati dal controllo e dalla repressione degli illeciti. Si tratta di una voce dei bilanci che figura come “Proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti“, inclusa all’interno delle entrate extra-tributarie. In questa sezione rientrano gli incassi del comune relativi a multe, ammende, sanzioni, somme per il risarcimento danni e oblazioni comminate a carico delle famiglie, delle imprese, delle altre amministrazioni pubbliche o di istituzioni sociali pubbliche o private operanti all’interno del proprio territorio.

adv-250

I dati che riportiamo sono citati da “Openpolis“, e mostrano che Firenze è la città che riporta le entrate maggiori: 128,01 euro pro capite. A seguire altri tre comuni del nord: Bologna (109,75), Padova (92,36) e Milano (88,69). I valori minori si registrano invece a Trieste (28,98 euro pro capite), Catania (21,11) e Messina (19,23). Per il territorio alessandrino è Alessandria a registrare la quota pro capite più alta, pari a 41.04 euro, seguita da Acqui (21.89), Valenza (19.81), Casale (17.6), Tortona (16.71), Ovada (14.23) e Novi (7.08). In Piemonte Alessandria si colloca al secondo posto dietro Torino che segna una quota pro capite pari a 50.68 euro. Decisamente più dietro gli capoluoghi: Asti 28.3, Verbania 24.47, Vercelli 22.67, Biella 17.19, Novara 17 e  Cuneo 13.27.