Coldiretti: “I cinghiali aumentano, e anche i danni. Si deve procedere con i piani di abbattimento”

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – A un anno dal primo caso di peste suina africana accertato in provincia di Alessandria ancora non è stato raggiunto alcun “risultato apprezzabile” al problema della diffusione dei cinghiali. Il numero di esemplari, così come quello dei danni causati dalla fauna selvatica, continua ad aumentare, ha constatato con amarezza Coldiretti Alessandria all’indomani dellincontro che si è tenuto in Provincia proprio sul tema della peste suina africana.

Le soluzioni adottate si sono rivelate “del tutto insufficienti” a fronteggiare l’emergenza, ha sottolineato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco: “Tante parole, diverse riunioni, ordinanze regionali, barriere e recinzioni in costruzione, senza un’effettiva tempistica in termini di conclusione dei lavori e di attivazione di interventi straordinari e risolutori. La realtà è deludente e alquanto critica con danni economici incalcolabili alle produzioni e alle imprese agricole, all’ambiente ed incidenti stradali che si sono continuati a verificare durante quest’anno. Servono soluzioni concrete per voltare pagina, per creare le condizioni affinché si generino i presupposti che consentano una ripresa dell’attività di allevamento anche nelle zone maggiormente interessate, per definire una prospettiva di ripresa, per mettere in sicurezza il nostro territorio, i cittadini e le imprese senza perdere altro tempo”.

Quasi sette italiani su dieci (69%) ritengono che i cinghiali siano “troppo numerosi” mentre c’è addirittura un 58% che li considera una vera e propria minaccia per la popolazione”, oltre che un “serio problema per le coltivazioni e per l’equilibrio ambientale” come pensa il 75% degli intervistati.

È quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ in riferimento al rapporto Ispra sulla proliferazione dei cinghiali sul territorio, dalle campagne alle città con in media 300mila abbattimenti all’anno nel periodo 2015-21, in aumento del 45%.

Il risultato – sottolinea l’associazione agricola – è che oltre sei italiani su 10 (62%) ne hanno una reale paura e quasi la metà (48%) non prenderebbe addirittura casa in una zona ‘infestata’ dai cinghiali. I branchi si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi, distruggono i raccolti, aggrediscono gli animali, causano incidenti stradali con morti e feriti e razzolano tra i rifiuti con evidenti rischi per la salute”.

L’invasione da parte dei selvatici ha causato un incidente ogni 41 ore con 13 vittime e 261 feriti gravi secondo l’analisi di Coldiretti su dati Asaps nel 2022. Negli ultimi dieci anni il numero di incidenti gravi con morti e feriti causati da animali è più che raddoppiato (+81%) sulle strade provinciali secondo la stima Coldiretti su dati Aci Istat.

Occorre prendere atto una volta per tutte che i cacciatori non stanno supportando, soprattutto nelle zone interessate dalla PSA, le operazioni necessarie e più in generale la campagna di depopolamento del cinghiale: si deve quindi dare piena attuazione alle disposizioni recentemente introdotte con la riscrittura dell’articolo 19 della Legge n. 157/92 in tema di un efficace controllo della fauna selvatica. Ecco perché è urgente investire per incrementare il personale preposto all’attività di abbattimento e vanno messi in atto senza più scuse, applicando le linee guida operative, tutti gli interventi, senza dipendere dagli ATC e CA che, salvo rare eccezioni, hanno di fatto bloccato finora l’operatività. 

E’ necessario consentire la ripresa dell’allevamento, con criteri di biosicurezza chiari e sostenibili, sia per le imprese ricadenti nell’area interessata da PSA sia per le tante imprese che allevano allo stato semi-brado in tutto il territorio regionale, le quali hanno dovuto spesso rinunciare a questa tipologia di allevamento con il rischio di perdere un lungo lavoro di tutela di razze storiche della nostra biodiversità – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto BiancoAlla luce degli sconvolgimenti causati dalla guerra in Ucraina, è fondamentale consentire alle nostre imprese di poter svolgere il loro lavoro, garantendo al nostro Paese un livello corretto di sovranità alimentare. Le imprese agricole e la popolazione devono essere tutelati e la regione messa in sicurezza al più presto. Su questo fronte occorre che anche la politica si assuma, fino in fondo, le proprie responsabilità, evitando di intervenire, come sta accadendo con la prima stesura della legge regionale di riordino, solo nel contesto dell’attività venatoria e su aspetti aventi una connotazione di carattere esclusivamente gestionale e di interesse di pochi: serve concretamente definire una strategia che permetta, attraverso azioni immediate e straordinarie, di avviare un reale processo di eradicazione dal nostro territorio della peste suina africana”.