ALESSANDRIA – Sulla Cittadella di Alessandria si è consumata l’ultima polemica politica tra la minoranza e la maggioranza, nel corso dell’ultima Commissione Cultura dedicata alla fortezza settecentesca. Il Partito Democratico si è scagliato contro le mancate risposte dell’amministrazione in merito all’utilizzo dei fondi del Ministero e della Regione per l’ex complesso militare. La Lega Nord però ha precisato che la questione non era all’ordine del giorno. Prima di partire per le ferie, il sindaco Cuttica aveva incaricato la dirigente Rosella Legnazzi di rispondere sulla convenzione fra il Comune e gli altri enti per la gestione della Cittadella ma anche quest’ultima ieri era assente, per motivi di salute.

“Se l’opposizione voleva fare un ragionamento politico a lungo termine doveva dirlo, hanno fatto polemica politica, magari viziata dalla campagna elettorale” ha detto Lorenzo Iacovoni, consigliere della Lega Nord “La giunta sta lavorando da tanto tempo sul futuro della Cittadella. La città non perderà nessun treno e a breve saranno presentate le intenzioni della giunta ai cittadini. Il sindaco sarà presente alla prossima commissione e darà le risposte che la minoranza richiede.” Continua dopo il banner

adv-542

“La realtà è che all’interno di una certa parte politica la campagna elettorale è già iniziata” ha replicato la Lega Nord in un comunicato “e siamo contenti che oggi altri membri dell’opposizione abbiano fatto notare che più che un luogo istituzionale, deputato a trattare seriamente argomenti importanti, il Partito Democratico abbia fatto della Commissione Cultura una conferenza stampa di autopromozione. La questione Cittadella, vitale per la nostra città, non dovrebbe essere oggetto di speculazioni elettorali. Il Comune sta lavorando con la Regione per definire il nuovo progetto sull’Ospedale Militare, che non va ad inficiare in alcun modo l’investimento statale sulla Cittadella. Questo progetto sarà presentato alla cittadinanza non appena sarà pronto e, di certo, la Commissione Cultura di questa mattina non era la sede deputata a ciò.”

“Alla fine non sono arrivate le risposte che ci saremmo aspettati” ha sottolineato il consigliere Vittoria Oneto, del Partito Democratico, “ricordo che questa commissione era stata già convocata prima di Natale e si è tenuta questo giovedì sapendo benissimo che il sindaco non sarebbe stato presente. Si tratta di una mancanza di rispetto. Si poteva quantomeno spostarla in un’altra data, lo avremmo accettato. Era chiaro che dopo mesi che della Cittadella non si parla più avremmo posto queste questioni, dopo che abbiamo sentito l’ipotesi di una giunta dice pensa di spostare alcuni fondi previsti per la Cittadella all’ex ospedale militare. Era ovvio che avremmo posto anche di questo tema. La nostra prima preoccupazione è proprio l’utilizzo delle risorse e progettualità sulla Cittadella. Se non partiamo dall’assunto che possa rappresentare un motore di sviluppo e che i milioni del Cipe e della Regione nell’ambito dei Por Fesr possono far svoltare questa città tutto diventa complicato. L’ospedale militare e il museo civico sono importanti ma ricordo che la Cittadella è stata considerata dal Ministero un bene da valorizzare a livello nazionale, alla pari di Pompei o Ercolano. Occorre rendersi conto delle differenze. Vogliamo delle risposte.” La stessa Vittoria Oneto nel corso della Commissione ha avanzato il rischio che un milione dei fondi in arrivo dal Ministero non possa più essere utilizzato per questa mancata programmazione. “E’ stato realizzato in tempi brevi lo studio di fattibilità su dove destinare i fondi da parte del politecnico di Torino e commissionato dalla Compagnia di San Paolo da parte della Regione e della Soprintendenza. La città deve conoscerlo e finora non è stato così. Il Comune di Alessandria deve essere parte fondamentale di questo processo, siamo preoccupati sul fatto che l’amministrazione si stia defilando, il Comune dovrebbe essere protagonista.”

Preoccupato, come il Partito Democratico, anche il Movimento 5 Stelle: “La Cittadella è una delle risorse più grandi che abbiamo” ha detto Michelangelo SerraDovrebbe essere sfruttata al meglio. Purtroppo la politica è indietro, non c’è una visione chiara della giunta su cosa si voglia fare per il futuro. E’ indispensabile che ogni decisione col Ministero per lo sfruttamento dei fondi, con la Regione, con la Soprintendenza vada condivisa e partecipata e non tenuta in un cassetto. Tutto ciò è terribile perché vuol dire che il consiglio comunale non serve e non c’è partecipazione, vuol dire che la Cittadella diventa un bene privato a uso e consumo della giunta. Un altro punto importante è la sicurezza: da giugno 2016 il Movimento 5 Stelle ha segnalato con un’interpellanza che il ponte d’accesso da Porta Reale era in pessime condizione. Ora si scopre che non è transitabile per i mezzi superiori ai 35 quintali. Giovedì ad assistere alla Commissione Cultura c’erano gli organizzatori di Ale Comics, un gioiellino che dobbiamo tenerci stretti, che richiama gente da fuori. Ad oggi non possono ancora organizzarla, visto che hanno bisogno di dettagli precisi da mesi e addirittura sono costretti ad anticipare dei soldi di tasca loro per un evento che offre indotto a tutta Alessandria. Avremmo già potuto spendere dei fondi l’anno scorso ma la giunta non si è ancora espressa. Non sono soddisfatto delle risposte che la maggioranza ha dato.”