ACQUI TERME – Paolo Mighetti è ufficialmente il nuovo vicesindaco e assessore al Bilancio di Acqui Terme. Dopo le dimissioni di Mario Scovazzi, il sindaco Lorenzo Lucchini questo lunedì 5 agosto ha firmato il decreto con cui ha affidato al pentastellato acquese anche le deleghe a Tributi, CED, Società Partecipate, Agricoltura e Attività Produttive.

Paolo Mighetti, 40 anni, nel 2006 ha conseguito la laurea in Architettura e dal 2008 lavora come libero professionista. Tra i fondatori del MeetUp di Acqui Terme del 2007 e tra gli organizzatori del primo V-day, successivamente ha partecipato alle attività del Movimento 5 Stelle legate in particolare ai temi dell’urbanistica e dei lavori pubblici. Dal 2009 al 2012 è stato consigliere nel Comune di Cavatore in una lista civica apartitica e nelle elezioni  del 2014 è stato eletto in Consiglio regionale nella circoscrizione di Alessandria. In Regione Piemonte, ha svolto il ruolo di Capogruppo del M5S Piemonte dal 2016 al 2017, è stato per 5 anni in Commissione Bilancio e Presidente della Giunta delle elezioni, le ineleggibilità, le incompatibilità e l’insindacabilità.

“Con la nomina di Paolo Mighetti – ha sottolineato il sindaco Lorenzo Lucchini – si intende lavorare nel segno della continuità, proseguendo il lavoro svolto in questi anni dall’ex assessore Mario Scovazzi nell’ambito della riduzione del debito cittadino. Sono certo che il nuovo vicesindaco e assessore al Bilancio saprà raggiungere gli obiettivi, che insieme vogliamo portare avanti per il bene della comunità e per la crescita di Acqui Terme”.

adv-819

“Desidero in primo luogo ringraziare il sindaco e Mario Scovazzi, che in questi anni hanno sempre lavorato in modo impeccabile – ha aggiunto il nuovo vicesindaco Paolo Mighetti – Eserciterò questo incarico proseguendo l’attività realizzata dal mio predecessore, con la speranza di svolgere al meglio quanto lui ha intrapreso in questi due anni. Ciò su cui voglio concentrarmi prima di tutto è entrare nel dettaglio di ogni questione, insieme al sindaco, ai colleghi e ai dirigenti, in stretta relazione con la maggioranza e minoranza, che ringrazio sin da ora. Auguro a ciascuno di noi un buon lavoro”.