passalacqua
adv-397

ALESSANDRIA – Non si placa la polemica deflagrata ad Alessandria dopo le dichiarazioni di Carmine Passalacqua sulle raccolte fondi destinate all’Hospice Il Gelso di Alessandria, durante l’ultima Commissione Affari Istituzionali sul regolamento dei Volontari dei Vigili Urbani. L’esponente di Forza Italia aveva sollecitato l’associazione Ex Agenti della Polizia Municipale “a fare beneficenza anche ad altre associazioni, non solo al Gelso. Dovrebbero ampliare i loro orizzonti. Perché fare cene per un posto dove alla fine si muore? Il Gelso non ne ha bisogno perché già prende contributi dallo stato. Non capisco tutte queste raccolte fondi per il Gelso. C’è bisogno di fondi anche in altre strutture, pensiamo a quelle che si occupano di bambini. Al Gelso, intanto, la fine vita è sicura”.

I gruppi di minoranza, in particolare Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Insieme per Rossa hanno invocato le dimissioni di Carmine Passalacqua da presidente della Commissione Cultura.

“Il presidente della commissione cultura, Carmine Passalacqua, a nome dei cittadini che rappresenta, non può suggerire ad una associazione privata dove fare volontariato. Troviamo vergognose le sue parole usate per descrivere l’attività del hospice “Il Gelso” e chiediamo al Sindaco, alla giunta e alla maggioranza che vengano chieste le sue dimissioni da presidente della commissione cultura”. 

adv-948

“Questa è la gente che governa la città” ha in particolare attaccato il consigliere Pd Rita Rossale parole di Passalacqua sono le parole della maggioranza. Ad oggi nessuna condanna dal Sindaco. Non c’è riparazione per una simile vergogna ma mi aspetto le dimissioni di Passalacqua. Se così non sarà vorrà dire che questo è anche il pensiero della maggioranza”. 

Contattato dalla nostra redazione il sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, ha, per il momento preso tempo: “Il sindaco non fa il giudice, soprattutto rispetto ad avvenimenti sui quali non è al corrente. Non guardo facebook e non ho letto la richiesta di dimissioni invocata da Pd e M5S. Sarà mia premura avere informazioni più circostanziate, che mi permettano una più attenta e corretta valutazione dei fatti. Ricordo, inoltre, che il consigliere Passalacqua, presidente della Commissione Cultura, è stato eletto e fa parte del consiglio comunale, non è un assessore della giunta. Ogni azione nei suoi confronti è appannaggio del consiglio, non del sindaco”. 

adv-848