Parco Smistamento Alessandria, Matrisciano (M5S): “Aspettare ancora rappresenta un sabotaggio”

ALESSANDRIA – La senatrice del Movimento 5 Stelle Susy Matrisciano, presidente della Commissione Lavoro di Palazzo Madama, è tornata ad affrontare il tema del Parco Smistamento di Alessandria, rimarcando l’imbarazzante silenzio calato sul progetto, a tre anni dalla sua approvazione e dallo stanziamento dei fondi; un grande risultato ottenuto grazie al lavoro di squadra con l’ex ministro Danilo Toninelli. Aspettare ancora rappresenta un sabotaggio e certamente non siamo disposti ad assistere inermi mentre sfuma una grande opportunità di rilancio economico ed occupazionale per un territorio che ne ha disperatamente bisogno. Ringrazio quindi Davide Serritella, deputato del Movimento 5 Stelle che ha riproposto un mio emendamento al disegno di legge 3278 avviato alla Camera, aiutandomi a riaccendere i fari sulla questione” ha detto la Senatrice.

È inaccettabile che dal 2019 ad oggi non sia ancora stato realizzato nemmeno un cronoprogramma dei lavori e che questa opera non sia rientrata nelle opere da commissariare, né nei progetti del PNRR che gli enti locali hanno presentato – afferma lo stesso Davide Serritella – È necessario agire in fretta e bisogna farlo in maniera organica, con una visione d’insieme dello sviluppo del territorio. Nell’emendamento che ho presentato al Disegno di legge “sulle disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture”, si sottolinea perciò la necessità che le fasi di progettazione e realizzazione del nuovo polo logistico di Alessandria siano direttamente seguite ed attuate dal commissario del Terzo Valico dei Giovi, Calogero Mauceri; una proposta dettata esclusivamente dal buon senso”.

adv-290

“Come ho ribadito al Ministro dei Trasporti Enrico Giovannini nel corso del question time del 29 luglio” – aggiunge la senatrice Matrisciano “occorre dare un segnale concreto al nostro territorio, perché il progetto riguarda un’area già esistente, di proprietà di Rfi e Mercitalia, che deve essere messa nelle condizioni di funzionare inserendola in un progetto di più ampio respiro. Abbiamo bisogno di questa boccata d’ossigeno che, auspico, sarà da stimolo per potenziare anche il trasporto passeggeri, sul piano locale e nazionale. Alessandria, città da troppo tempo logisticamente emarginata, non può permettersi di perdere nessuna occasione. Nei prossimi giorni, inoltre, chiamerò il Ministro Giovannini per chiedergli di non lasciare inascoltate le istanze dell’alessandrino e gli ricorderò, infine, che è sempre il benvenuto ad Alessandria qualora volesse constatare di persona lo stato di un’area che aiuterebbe cittadini ed imprese che lavorano per il territorio”.

adv-889