Carenza servizi Asl Spinetta, M5S sollecita il sindaco: “Serve anche un tendone per i pazienti in attesa”

ALESSANDRIA – Ne avevamo già parlato lo scorso giugno intervistando alcuni cittadini della Fraschetta e il segretario dello Spi Cgil della Fraschetta Claudio Gandini: sei mesi dopo il problema della carenza di servizi del Distretto Asl del sobborgo alessandrino non si è risolto. Lo hanno sottolineato i consiglieri del Movimento 5 Stelle Alessandria, Francesco Gentiluomo e Michelangelo Serra, autori di una interpellanza.

adv-977

“Da giugno scorso i residenti di tutta la Fraschetta è il sindacato SPI denunciano, senza avere delle risposte dall’amministrazione comunale, una serie di problematiche, emerse nella sede distrettuale sanitaria in oggetto, tra cui: impossibilità di prenotare le visite telefonicamente e lunghe attese si legge nel documento “la situazione sembra che sia in peggioramento perché pare che la sede di Spinetta sia destinata a chiudere”. Su questo ultimo punto, però, Radio Gold ha contattato Asl che ha smentito ogni possibile ipotesi di chiusura del Distretto. 

“Le lunghe attese oltre ad essere ordinariamente stressanti, nella stagione attuale, per il freddo e il maltempo, diventano situazioni dannose per la salute, soprattutto per persone anziani e fragili. Esistono dei tendoni, relativamente veloci da montare, resistenti alle intemperie, al vento e alla neve utilizzate in molteplici contesti per ripararsi dal freddo e dalla pioggia”. 

I consiglieri pentastellati hanno quindi chiesto al sindaco se “è intenzione dell’amministrazione avallare le segnalazioni dei sindacati e dei residenti riguardo le problematiche del presidio sanitario locale e attivarsi con l’ Asl per risolverle e installare un tendone davanti al presidio sanitario di Spinetta per salvaguardare la salute dei pazienti, fuori dalla sede sanitaria, in attesa delle prestazioni erogate”.