Automotive, Molinari (Lega): “Governo tuteli i 250 mila lavoratori dalle scelte dell’Unione Europea”

ITALIA – Il capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari ha spiegato le ragioni che hanno portato il partito di Matteo Salvini a firmare una mozione sull’automotive che invita il Governo a convocare in tempi rapidi un tavolo coi rappresentanti delle Regioni e delle parti sociali per fissare i paletti su innovazione, ricerca e competitività. Temi da tradurre in sostegno per le aziende, opportunità per i consumatori e crescita dell’occupazione”.

“L’industria automobilistica spinge la crescita del Paese da oltre un secolo, un volano dell’economia nei momenti di crisi” ha detto Molinari “Tra pandemia sanitaria e crollo delle forniture di microchip si registra un pericoloso trend negativo favorito anche dall’aggressiva politica dell’Unione Europea sull’elettrico che punta a eliminare le auto a benzina e diesel dalla circolazione entro il 2035. Vietare una singola tecnologia non è una scelta razionale in questo momento perché mette a rischio decine di migliaia di posti di lavoro. Lo Stato deve fare la sua parte con iniziative concrete a tutela degli oltre 250mila addetti in centinaia di aziende”.