Bertram Derthona sfida Allianz Trieste, coach Ramondino: “Gara dura in un ambiente caldo”

TRIESTE – Seconda sfida in trasferta di fila questa domenica per Bertram Derthona che, in A1, alle 18.30 affronterà Allianz Pallacanestro Trieste. ʺCi attende una gara molto dura in un ambiente molto caldo e coeso. Trieste è una squadra con gerarchie chiare, brava a trovare le soluzioni offensive e difensive che predilige. Si tratta di una formazione molto solida e continua, diversa da noi che abbiamo alti e bassi nel corso delle partiteʺ ha detto coach Marco Ramondino “rispetto alla Supercoppa Trieste è molto cambiata e ha compiuto un percorso importante rispetto a due mesi fa. Si tratta di una squadra che è cresciuta molto e ha giocatori di grande rendimento sia in attacco sia in difesa: questo è il loro principale punto di forza. Per questo dovremo trovare continuità in difesa nel corso dei quaranta minuti. Il livello con cui ci confrontiamo è molto alto, per cui il focus deve essere su tutti gli aspetti: fisico, tecnico e mentale. Affidabilità e continuità nell’esecuzione delle giocate sono molto importanti: per questo in allenamento dobbiamo trovare i giusti momenti di crescita per essere migliori la domenica. Voglio sottolineare la capacità di atleti come Tavernelli e Severini di avere grande impatto nei pochi minuti a disposizione e ci tengo a rimarcare che Mortellaro è stato un grande professionista fin dal primo giorno in cui è arrivato, esattamente come ci aspettavamoʺ.

Al fianco di coach Ramondino, a presentare la gara di domenica è stato Jamarr Rodez Sanders, uno degli ex della sfida, che ha iniziato il suo intervento affermando che ʺci attende un incontro difficile davanti a un pubblico molto caldo e rumoroso. Per questo sarà importante controllare il ritmo per evitare che i tifosi spingano e sostengano Trieste, diventando un fattore importante nei quaranta minutiʺ. Il giocatore americano è poi tornato sulla sua esperienza in maglia Allianz, nel 2018/19, ricordando che quell’anno è stato ʺincredibile e molto bello perché mi sono sempre sentito a casa e ho percepito il grande affetto e il calore dei fan. Domenica mi aspetto un pubblico molto energico, che tiferà tutta la partita sia nei momenti belli che in quelli più difficili. Mi piace giocare contro i migliori e sono contento di farlo insieme a coach Ramondino, che è stato il primo allenatore che ho avuto in Italia. È davvero bello potere vedere il percorso che abbiamo fatto negli anni insieme. Quest’anno la nostra squadra è composta da un gruppo di ragazzi eccellenti, ci piace giocare insieme e ognuno di noi riesce a essere protagonista nei momenti decisivi. Giocare di squadra è la chiave per avere successo. Ogni giorno che passa sto sempre meglio – ha concluso Sanders – in quanto lo staff e i compagni mi stanno aiutando a ritrovare il 100% della forma. Per alcuni motivi non ho potuto iniziare la preparazione con la squadra ma ora sto crescendo di condizioneʺ.