Una notte da leoni: Bertram Derthona sbrana la Virtus campione d’Italia

CASALE – Una serata magica, storica, leggendaria per Bertram Derthona. La matricola della serie A1 ha infatti regolato con un inequivocabile 93-76 al PalaFerraris i campioni d’Italia della Virtus Bologna. Dopo un primo quarto equilibrato chiuso con le V nere in vantaggio di due punti i leoni di coach Ramondino hanno preso il largo nel secondo e già all’intervallo avevano scavato un solco di 15 minuti. Nel secondo tempo i bianconeri hanno amministrato il punteggio, tenendo a debita distanza la squadra di coach Scariolo.

Tavernelli e compagni hanno fatto la differenza sia dentro che fuori area, col 58.5% di realizzazioni da due e col 41.4% da tre. Ben sei i giocatori tortonesi che hanno chiuso in doppia cifra: Wright, Tavernelli, Mascolo, Cain, Daum e Macura. 

ʺÈ stata una partita molto buona, a tratti ottima, quindi vanno fatti i complimenti ai ragazzi per l’impegno agonistico e l’esecuzione” ha detto a fine gara coach RamondinoStasera vogliamo ringraziare la gente che è venuta al palazzetto, perché l’entusiasmo e la positività che ci hanno trasmesso sono stati importanti. Speriamo di avere questa atmosfera anche nelle prossime occasioni, perché anche stasera ci sono stati alti e bassi ma la percezione era completamente diversa. Il pubblico è stato decisivo e ci ha esaltato nelle giocate che abbiamo fatto, lo sottolineo nuovamente. Questi due mesi di stagione hanno detto che non si possono fare valutazioni definitive, bisogna essere contenti della prestazione nel contesto di oggi, perché come la gara di Trieste non è stata fatale quella di oggi non è definitiva. La Virtus ha un roster profondo, una diversa identità tecnica a seconda dei giocatori che può mettere in campo, un’organizzazione di gioco impressionante ed è la squadra che ha trasmesso il maggiore senso di controllo delle partite: oltre agli aspetti tecnici e tattici, a livello mentale abbiamo lavorato sul fatto di andare oltre e passare all’azione successiva qualunque cosa sarebbe successa in campoʺ.

La cronaca della partita tratta dal sito di Derthona Basket

adv-596

Primo quarto di grande livello al PalaEnergica: dopo l’avvio sprint della Virtus, la Bertram torna a contatto alzando l’intensità della difesa e trovando buone soluzioni in attacco. Al 10’ il punteggio è 20-22. Il Derthona gioca poi un secondo quarto perfetto ed esaltante su entrambe le metà campo, mettendo sul parquet grande energia e stringendo notevolmente le maglie della difesa. Il break prodotto dalla formazione allenata da coach Ramondino, spinta dall’incitamento del palazzetto, è importante e vale il 51-36 dell’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi la Virtus piazza una reazione importante, guidata dai canestri da tre punti di Weems, e torna più volte a due possessi di distacco. A respingere i tentativi di rimonta ulteriore è capitan Tavernelli, che infiamma il pubblico del PalaEnergica Paolo Ferraris, e consente alla Bertram di chiudere avanti 73-65 al 30’. Nell’ultima frazione la Bertram piazza una nuova poderosa accelerazione, volando sul +19 (86-67) del 35’ con la tripla di Wright. Nelle battute conclusive la formazione allenata da coach Ramondino amministra il margine accumulato e trionfa 93-76.

Bertram Derthona-Virtus Segafredo Bologna 93-76 

(20-22, 51-36, 73-65)

Tabellini:

Derthona: Mortellaro ne, Wright 14, Rota ne, Cannon 6, Tavernelli 10, Filloy 8, Mascolo 12, Severini ne, Daum 18, Cain 10, Macura 15. All. Ramondino

Bologna: Cordinier 4, Tessitori, Mannion 15, Pajola ne, Alibegovic 4, Hervey 5, Ruzzier, Jaiteh 8, Alexander, Ceron ne, Weems 28, Teodosic 12639. All. Scariolo

Foto Ufficio Stampa Bertram Derthona