adv-797

ALESSANDRIA – “Abbiamo un calendario tosto, dove giocheremo tante partite ravvicinate. Praticamente una ogni tre giorni. Le utilizzeremo per far entrare in condizione gli ultimi arrivati. Anche perché, con così tanti incontri da preparare, diventa quasi proibitivo calendarizzare“. Musica e testo di Angelo Gregucci che, con queste parole, ha introdotto di fatto la sfida di Coppa Italia di mercoledì pomeriggio. Alle 15 i grigi se la vedranno con il Cosenza nel secondo turno della competizione.

Non potremo quindi far crescere i giocatori di condizione come vorremmo ma lo faremo facendoli giocare“, ha aggiunto il tecnico dell’Alessandria Calcio. Gregucci non potrà ancora contare su Pisseri e Prestia,per cui bisogna attendere le valutazioni mediche del caso“, oltre all’ultimo arrivato Ognjen Stijepovic che deve ultimare l’iter del protocollo Covid con allenamenti individuali prima di poterlo inserire a tutti gli effetti nel gruppo“.

A Cosenza comunque Gregucci si aspetta “una gara gagliarda. Ma soprattutto voglio vedere una crescita sulla gestione degli ultimi 10 minuti. Dobbiamo aumentare la condizione atletica ma anche quella di lettura della gara. Essere spietati e lucidi per leggere al meglio le situazioni e chiudere eventualmente una partita che si è messa a nostro favore“. Anche perché il mister ci tiene “a questa Coppa Italia. Per come è il mio carattere le voglio vincere tutte. Anche le amichevoli. Voglio trasmettere questa mentalità all’intero gruppo“.

adv-465