Longo è il nuovo mister dei grigi: “Subito al lavoro per diventare squadra”
adv-995

ALESSANDRIA – Moreno Longo è il nuovo allenatore dell’Alessandria Calcio. Dopo l’esonero di Angelo Gregucci, avvenuto 24 ore fa, oggi la proprietà ha ufficializzato l’arrivo dell’ex allenatore di Torino e Frosinone. Presenti in conferenza, oltre al neo tecnico, anche il ds Fabio Artico e il presidente Luca Di Masi.

Quella dell’esonero è sempre una scelta difficile. L’ho trovata però necessaria per quello che succedeva in campo. Questo non vuol dire che a livello umano non mi dispiaccia. Ho vissuto una giornata intensa e difficile, perché questa situazione è un fallimento da parte di tutti, compresa la mia“, ha spiegato Di Masi. Il patron ha spiegato che si è trattata di “una scelta necessaria visto i risultati e il rendimento. Oggi però, con l’arrivo di mister Moreno Longo in panchina voltiamo pagina“. Poi una chiosa sul mercato: “Fin che è aperto tutto è possibile. Siamo al lavoro per avere una rosa competitiva“, già più di quella che è.

adv-436

I ringraziamenti per il lavoro svolto, oltre che da Di Masi, sono arrivati anche dal direttore sportivo Fabio Artico: “È stato un cambio doloroso ma visti i risultati, come dice il presidente, necessario. Adesso siamo qui con Longo. Personalmente sono molto contento della scelta e ringrazio Di Masi per averla appoggiata. Penso che ora ripartirà un percorso con obiettivi importanti che tutti noi vogliamo raggiungere“.

Le dichiarazioni più attese, tuttavia, sono state proprio quelle di Moreno Longo: “Volevo subito ringraziare il direttore sportivo e il presidente per poter far parte di questo progetto ambizioso. Arrivo qui con grande entusiasmo e spero di poter aiutare questa società ambiziosa a raggiungere il prima possibile i suoi obiettivi“. L’allenatore, che vanta un passato da giocatore anche tra le fila dei grigi nella stagione 2005/2006, sa di essere arrivato in una “piazza storica. Alessandria ha una qualità di pubblico e di calore importante. Questi tifosi sanno trasmettere determinati valori a tutta la squadra e saranno anche loro fondamentali per l’impresa che ci attende” nonostante per il momento non potranno ancora essere presenti allo stadio per via della situazione sanitaria legata al Covid-19.

Longo, nato calcisticamente con il mito del Filadelfia di Torino, è conscio che “aver fatto parte di un ambiente come quello del Toro è stata una cosa importante per la mia crescita anche come uomo. Il Filadelfia è stato una scuola di vita nei rapporti con le persone in campo e fuori“. Da qui la consapevolezza di dover creare “un gruppo prima di tutto composto da uomini veri e poi da calciatori“. Sul cambio del mister Longo sa che questo avviene “quando bisogna raggiungere obiettivi importanti. Non ho la presunzione di venire qua per giudicare cosa è stato fatto prima. So solo che questa è una squadra competitiva che può e deve fare una scalata importante in campionato“.

Il neo tecnico: “Le vittorie si devono costruire tassello dopo tassello e creando una mentalità vincente“. Sul tempo Longo spiega di averne a sufficienza poiché “ho firmato un contratto sino al 2023. La storia non finirà tra tre o quattro partite. L’impresa del campionato è ardua ma ci crediamo. Nei prossimi due anni vogliamo vincere e costruire. Vogliamo creare una mentalità vincente e raggiungere gli obbiettivi che la società si è prefissata“. Pur avendo un’idea tattica l’allenatore sa che questa “squadra è stata costruita per una difesa a tre con un centrocampo a quattro o a cinque. Solo allenandoli possiamo capire se questo gruppo può dare qualcosa di diverso“. Con lui arrivano anche Dario Migliaccio, allenatore in seconda, e Paolo Nava, preparatore atletico.

Foto ufficio stampa Alessandria Calcio