L’Ovadese non riesce ancora a svoltare: 0-0 contro l’Arquatese

OVADA – “Al momento siamo indietro rispetto alle squadre che lottano nelle zone alte della classifica. Siamo un gruppo di giocatori, ma non siamo ancora squadra”. Parole chiare quelle di mister Stefano Raimondi, che fotografa esattamente la situazione attuale in casa Ovadese. Ancora rimandata, quindi, la prima vittoria al “Geirino” dopo un pareggio a reti bianche contro l’Arquatese. Gara affrontata in modo diverso dal solito con pressing alto e grande dispendio di energie per cercare di fermare da subito la ripartenza dal basso degli uomini di mister Maurizio Vennarucci.

Continua Raimondi: “Abbiamo cercato di fermare una Squadra allenata bene e solida con giocatori che si conoscono bene tra loro. Siamo riusciti a tenere botta, li abbiamo messi in difficoltà, ma hanno avuto quella mezza occasione in più rispetto a noi, soprattutto sul piazzato. Sono comunque soddisfatto. Avevo chiesto ai ragazzi un segnale dal punto di vista della determinazione, della voglia di vincere i duelli e le seconde palle. Non siamo stati bellissimi, però abbiamo cercato la profondità e davanti eravamo molto giovani perché cercavo quella freschezza, quella voglia di aggredire i difensori e non farli giocare. Ieri ho avuto un buon segnale”.

L’ingresso di Nelli nel finale di gara, non cambia l’esito di un match che ha visto l’Arquatese rendersi più pericolosa rispetto all’Ovadese. Per Stefano Raimondi ancora tanto lavoro per trovare la soluzione tattica più giusta in una rosa competitiva che non può ritenersi soddisfatta in questo inizio di stagione. Prossimo impegno per l’Ovadese, domenica 17 ottobre a Mirafiori.

adv-363