Tutto si può dire del Derthona tranne che regni la noia. Ennesimo colpo di scena in casa bianconera. Roberto Scarnecchia torna a sedersi sulla panchina dei leoncelli. Un ritorno anticipato la scorsa settimana dallo stesso ex giocatore di Milan e Roma che, proprio ai microfoni di Radio Gold News aveva esplicitato la sua voglia di tornare in panchina, in una piazza calda come quella tortonese (vedi notizia allegata). Il nodo da sciogliere però, era legato al mercato, o meglio a quanto la società pareva disposta a spendere per poter sostituire in maniera adeguata i giocatori che avevano fatto le valigie come Camussi, Tignonsini e Mussi. Gli arrivi dei giovani Stallone e Ferraroni facevano presagire tutt’altro. L’addio di Raul Longhi maturato domenica al termine della gara contro la Folgore Caratese apriva le porte a un ritorno di Cisco Guida, citato dallo stesso direttore sportivo tortonese Emanuele Balsamo. Così il dirigente parlava domenica a Radio Gold News: “Visto che andremo avanti coi giovani Guida ci è sembrata la soluzione ideale. Non sarà più un tecnico di transizione, con lui cercheremo di valorizzare i nostri giovani per centrale la salvezza.” Avanti con Guida, quindi? No. Come riporta il sito ufficiale bianconero, infatti, nella tarda serata di questo lunedì è stato annunciato il ritorno di Scarnecchia, tecnico mai dimenticato dalla piazza tortonese. Scartato e apprezzato questo bel regalo di Natale, è facile immaginare quale sarà ora il desiderio dei supporters del Derthona: la stabilità e la continuità, due parole che in questi primi mesi di campionato sono apparsi pura utopia.