colombo_alessandria
adv-255

ALESSANDRIA – Alla fine prevale l’arrabbiatura per “le poche occasioni create negli ultimi 30 metri“, specie “per la mole di gioco del primo tempo“. Il pareggio senza gol tra Cuneo e Alessandria ha lasciato un po’ di amaro in bocca a mister Alberto Colombo.

“Per quanto fatto avremmo dovuto essere almeno più pericolosi” ha detto il tecnico dei grigi “Invece le occasioni tra le due squadre si equivalgono. Dobbiamo migliorare tantissimo nei movimenti e nella rifinitura. A livello offensivo, ad esempio, ci sono delle indicazioni che ho dato e che hanno bisogno di essere immagazzinate in più tempo: ad esempio tenere sempre il possesso per scoprire una palla negli ultimi 30 metri e lì lavorare con determinati movimenti. Nella prima mezz’ora abbiamo lavorato tanto sulla combinazione stretta tra i due attaccanti e ci sono riusciti. Poi ci siamo un po’ persi, merito del Cuneo che nella ripresa ci ha aggrediti alti”.

Da eliminare, inoltre, alcune disattenzioni che nel finale avrebbero potuto costare molto caro: Alla fine rischiamo di farci gol da soli. Una loro occasione nasce da una punizione dovuta a un fallo fatto perché ci siamo fatti sorprendere da una rimessa laterale, l’altra da un errore di Maltese che ha appoggiato una palla in molto morbido e Bobb ne ha approfittato. Insomma, abbiamo già subito troppe situazioni che in passato ci hanno tolto punti, nate da errori banali che possono essere cancellati con più attenzione“.

adv-609

Tra gli aspetti positivi rimarcati dal tecnico alessandrino ci sono la “lo spirito e come abbiamo tenuto nel campo nel primo tempo”: “Poi siamo calati nella ripresa. Probabilmente è un calo fisiologico, ma a livello di intensità siamo in crescita. Peccato perché questa era una “gara bivio”: in caso di vittoria avremmo potuto guardare più da vicino chi era sopra di noi in classifica. Avremo altre possibilità, anche se le gare sono di meno”.