TAGLIOLO MONFERRATO – Tagliolo Monferrato vuole tenersi stretto il trofeo sollevato domenica scorsa negli studi di Mezzogiorno in Famiglia. Dopo aver battuto i tarantini di Fragagnano, il team tagliolese questo fine settimana dovrà vedersela con il comune di Trècchina, in provincia di Potenza.

Una squadra agguerritissima” in base alle voci arrivate a Tagliolo Monferrato, ha spiegato con un po’ di preoccupazione Cristina Olivieri del Circolo Ricreativo Culturale Tagliolese. A Tagliolo, comunque, sono altrettanto determinati a raccogliere punti con i giochi in studio, a Roma, e durante quelli in paese, che verranno ripresi in diretta dalle telecamere della popolare trasmissione di Rai 2.

Durante la puntata di sabato 23 febbraio, dalle 11 alle 13, dalla piazza di Tagliolo i campioni in carica ricostruiranno anche un pezzo della storia del paese e, in particolare, della figura di Battistina Doria, con una breve ma suggestiva rievocazione che schiererà davanti alle telecamere di Mezzogiorno in Famiglia una trentina di figuranti con i costumi cuciti negli anni per la manifestazione “Le storie del vino”, che quest’anno si terrà il 21 e 22 settembre. La diretta di sabato sarà poi occasione per mostrare l’abilità di una tagliolese nell’impagliare sedie e di un altro artigiano che costruisce trottole in legno.

Domenica 24 febbraio,sempre dalle 11 alle 13, appariranno davanti alle telecamere di Mezzogiorno in Famiglia la tavolata piena di prodotti tipici e i velieri d’artigianato “tagliati” lo scorso fine settimana per lasciare spazio alle gare di sci trasmesse da Rai2.

A Tagliolo, e a Roma, si scaldano i muscoli per il nuovo fine settimana di sfide a Mezzogiorno in Famiglia. Ovviamente tutta provincia di Alessandria tiene le dita incrociate. L’importante, però, è di ricordarsi di usare le dita durante la trasmissione per televotare i campioni in carica. La coccarda sarà sempre gialla ma questo fine settimana il numero è “1”, ha anticipato Cristina Olivieri. Il Circolo Ricreativo Culturale Tagliolese ora può contare sul generoso contributo di cinque aziende della zona (“Cantine Rasore”, “Everton”, “Plastipoliver”, “Saragel”e “Mectend”) che hanno deciso sostenere le spese per partecipare alla trasmissione. Le trasferte romane pesano meno, ha ammesso Cristina, e il Circolo Ricreativo e tutta Tagliolo può permettersi e, anzi, vorrebbero proprio partecipare ad “almeno altre due puntate” per avvicinarsi sempre di più al premio finale: lo scuolabus di Mezzogiorno in Famiglia.