adv-751

ALESSANDRIA – Nonostante appena un punto conquistato in quattro partite il mister dell’Alessandria Calcio Angelo Gregucci si è detto determinatissimo ad andare avanti. Il tecnico ha commentato così la sconfitta di misura contro il Grosseto, maturata negli ultimi minuti di gioco: “Sicuramente è un momento delicato, è difficile analizzare gara come questo, io non butto la palla avanti e spero, io cerco di arrivare alla porta giocando, noi siamo arrivati tante volte sull’esterno, giocando, ma per la mole di gioco che facciamo concludiamo poco. Nelle ultime partite ci siamo fatti gol da soli, bisogna migliorare negli ultimi 20 metri e non bisogna più regalare nulla all’avversario. Il Grosseto questa sera è stato pericoloso solo una volta, su una parata di Crisanto coi piedi. Noi, invece, abbiamo colpito un palo, una traversa e creato tante situazioni pericolose che non siamo riusciti a finalizzare, questa è la chiave delle partite che stiamo vivendo”.

Sono determinatissimo, non mollo un centimetro, ho una idea precisa in testa e sono convinto che la squadra la seguirà. Siamo in un momento difficile dal punto di vista organizzativo sotto il profilo dei tamponi ma non è un alibi per nessuno. Mi serve un po’ di tempo per lavorare e cercare di far finalizzare meglio la squadra e regalare di meno agli avversari. Perché cambiare Gazzi e Blondett? Il primo aveva i crampi, il secondo era ammonito e, a 12 minuti dalla fine non si doveva rischiare nulla”.

Una partita che ci ha visti padroni, non sono un visionario scriteriato, è complicato commentare questa partita dopo averla persa. Ripeto: non possiamo regalare gol all’avversario, la porta non resta inviolata perché stiamo commettendo degli errori che sono dei regali. Sono determinato ad andare avanti. La ruota girerà, non siamo in un momento fortunato”.

adv-852