adv-837

CARRARA – Nel successo in trasferta contro la Carrarese, l’Alessandria Calcio ha confermato gli ottimi segnali di ripresa già palesati contro il Pontedera. Il tecnico Angelo Gregucci, a fine gara, ha manifestato tutta la sua soddisfazione:

“Complimenti ai ragazzi, hanno fatto una partita solida, molto compatta, contro un avversario difficile. Abbiamo fatto una grande gara, merito loro e dello staff tecnico. Anche mio? Io servo solo quando si perde. Siamo sulla buona strada per diventare squadra. Anche questa volta non abbiamo subito gol ma il plauso va a tutti, a partire dagli attaccanti. Io parlo sempre di fase difensiva, tutti hanno difeso in modo solido, abbiamo limitato al massimo un attacco di qualità e chi è entrato lo ha fatto in maniera fantastica, con atteggiamenti importanti. Abbiamo vinto tanti duelli, non mollando mai un centimetro. Anche nel primo tempo avevamo avuto delle opportunità ma serviva più lucidità, dovevamo migliorare nelle rifiniture per essere più incisivi e così è stato”. 

Dopo un inizio di campionato difficile il tecnico si è anche tolto qualche sassolino dalla scarpa: “Per me questa vittoria non rappresenta alcuna rivincita. Ho sempre rispettato le critiche ma, questo lo dico con un pizzico di presunzione, poche persone mi possono insegnare l’amore per questa società. Io sono cresciuto con Toni Colombo, Tagnin, Viganò. So cos’è l’Alessandria, e non c’è bisogno che qualcuno me lo spieghi. Ma, ripeto, nessuna rivincita. Il progetto va avanti ed è da percorrere attraverso l’umiltà, le proprie idee non vanno mai messe in discussione, io tengo la barra dritta, possiamo regalare ai nostri tifosi grandi soddisfazioni. Dedico questo successo ai nostri giocatori, si può sempre fare meglio di così, i tre punti di oggi fanno parte di un percorso, il difficile verrà adesso, da domani si lavora per la prossima partita. Siamo consapevoli di vivere momento particolare come l’emergenza covid ma solo col lavoro si raggiungono i risultati”. 

adv-895