Alessandria-Feralpisalò: come una finale. Vincere per continuare a sognare, con l’arma in più del tifo
adv-313

ALESSANDRIA – La partita da non fallire. Alle 16.30 di oggi l’Alessandria Calcio si trova di fronte il primo bivio definitivo della stagione: a dividere i Grigi dalla semifinale playoff c’è la Feralpisalò, da battere senza se e senza ma, allo stadio Moccagatta. La sconfitta per 1-0 incassata domenica, al Turina, obbliga Gazzi e compagni a un solo risultato. Proprio per il match più importante della stagione, però, i ragazzi di mister Longo potranno finalmente contare sul pubblico: la certezza è che, anche se saranno “solo” mille, i tifosi sugli spalti si faranno sentire e, dopo tanti mesi di silenzio, si torneranno a respirare quelle sensazioni indimenticabili di calcio “vero”. 

Serve l’Alessandria Calcio che ha fatto tremare il Como, serve l’Alessandria Calcio che è stata capace di ridare entusiasmo al popolo grigio con una rimonta quasi perfetta, serve l’Alessandria Calcio che vuole scrivere la storia, dopo tante delusioni.

In casa grigia c’è il dubbio Bellodi, infortunato nel match di tre giorni fa. Sul fronte opposto, tra i leoni del Garda, anche il bomber Guerra non è al 100%. Mister Pavanel non potrà contare sullo squalificato Guidetti ma torneranno Legati e Carraro, perni importanti della difesa e della mediana. “Butteremo dentro tutto quello che abbiamo, con grande fiducia e umiltà” ha detto mister Pavanel “consapevoli di aver spostato almeno un po’ gli equilibri. Andiamo a cogliere quelle possibilità che ci siamo creati, c’è voglia di fare una grande partita”. 

Foto Ufficio Stampa Feralpisalò

adv-733