Delirio grigio: Stanco porta l’Alessandria in finale. Albinoleffe piegata all’overtime

ALESSANDRIA-ALBINOLEFFE 2-2

Marcatori: Gabbianelli (ALB) al 28′, Arrighini (ALE) al 53′, Gelli (ALB) al 70′, Stanco (ALE) al 110′

ALESSANDRIA – Nella semifinale di ritorno l’Alessandria pareggia 2-2 contro l’Albinoleffe e conquista l’accesso alla finale playoff. Per superare la squadra di mister Zaffaroni, che si conferma una temibilissima “macchina da trasferta” servono i tempi supplementari e un gol di Stanco, che finalmente si sblocca in maglia grigia e regala ai mille del “Moccagatta” la gioia di un gol importantissimo. Una vittoria da Grigi, sofferta e strappata con il coltello fra i denti, dopo che gli ospiti erano stati capaci di passare in vantaggio due volte. La squadra di Longo si qualifica per l’ultimo atto contro il Padova: domenica 13 giugno si disputerà la gara di andata all’ “Euganeo”, mentre il ritorno è previsto al “Moccagatta” giovedì 17 giugno.

Per rimpiazzare gli squalificati Parodi e Giorno mister Longo punta su Macchioni e sul rientrante Bruccini, mentre al posto dell’acciaccato Chiarello scende il campo Di Quinzio. In attacco torna titolare Corazza, preferito a Eusepi. Il modulo non cambia: Pisseri in porta; Macchioni, Di Gennaro e Prestia in difesa; Casarini e Bruccini a centrocampo, affiancati da Celia e Mustacchio sulle fasce; tridente offensivo composto da Di Quinzio, Arrighini e Corazza. Nell’Albinoleffe tornano il capocannoniere Manconi e Borghini, con Genevier confermato play maker.

I Grigi prendono subito il controllo delle operazioni e vanno al tiro con Casarini e Arrighini, senza però inquadrare lo specchio della porta. L’Albinoleffe fatica a rendersi pericolosa, ma al 28′ alla prima occasione punge e passa in vantaggio: dopo una ripartenza guidata da Manconi iniziata con un possibile tocco di mano non ravvisato, il pallone arriva a Gelli, che si accentra e serve Gabbianelli. Il numero 10 dal limite dell’area lascia partire una precisa conclusione sotto all’incrocio, imprendibile per Pisseri. La reazione dell’Alessandria porta la firma di Di Gennaro, che chiama Savini a una grande parata su azione d’angolo. Pochi minuti dopo tocca a Celia, ma la conclusione del 3 grigio è alta sulla traversa.

In avvio di ripresa i Grigi riprendono il pallino del gioco e al 53′ trovano il gol del pari: dopo un “batti e ribatti” sul calcio di punizione di Di Quinzio, la palla arriva ad Arrighini, che di destro non lascia scampo a Savini per il suo terzo gol consecutivo in questi playoff. Il risultato torna a sorridere ai padroni di casa e mister Zaffaroni corre ai ripari inserendo in due blocchi Tomaselli, Nichetti e Petrungaro al posto di Gusu, Riva e Gabbianelli. Gli ospiti premono sull’acceleratore, ma i Grigi riescono a difendersi non senza qualche difficoltà. Per cercare di tenere la palla lontana da Pisseri Longo inserisce Eusepi al posto di Corazza, ma gli ospiti trovano subito il gol: il neoentrato Tomaselli mette a sedere Macchioni e serve al centro Gelli, che ha gioco facile nel battere Pisseri. Nell’Alessandria entra Frediani al posto di Macchioni, con Celia che scala sulla linea dei difensori. Nel finale i Grigi non riescono a pungere e dopo tre minuti di recupero si va ai tempi supplementari.

Alla prima azione l’Albinoleffe va vicinissima al gol, con la conclusione di Manconi che sfiora il palo alla sinistra di Pisseri. Mister Longo è costretto a sostituire un Arrighini in preda ai crampi con Stanco. Gli ospiti ci provano conquistando un paio di calci d’angolo, sui quali è provvidenziale una chiusura difensiva di Eusepi, mentre l’Alessandria si rende pericolosa nel finale con lo stesso numero 9, che ti testa colpisce la parte alta della traversa.

Nel secondo tempo supplementare Casarini dialoga bene con Eusepi, ma sul più bello impatta su Stanco, che vanifica una potenziale occasione da gol. Ma l’attaccante grigio si fa subito perdonare: con un colpo di testa su assist di Frediani buca Savini e riporta la somma dei gol a favore dell’Alessandria. Zaffaroni inserisce anche Maritato al posto di Genevier, ma il fortino grigio non vacilla: contro il Padova in finale ci sarà l’Alessandria!