Tra coloro che, in casa Cuneo, sperano di scendere in campo contro l’Alessandria c’è sicuramente Marco Martini. Attaccante di 34 anni, da due stagioni in maglia biancorossa, Martini è uno dei tanti ex della sfida di sabato pomeriggio allo stadio Paschiero. Giocatore grigio dal 2010 al 2012, Martini ha collezionato 46 presenze e 10 gol, due dei quali diventati “storici” perché segnati nella doppia sfida alla Salernitana, negli sfortunati playoff per la serie B. Dopo aver conquistato la serie cadetta con la Pro Vercelli, dalla scorsa stagione Martini veste la maglia biancorossa. “Stiamo attraversando un momento non facile. Non ce lo aspettavamo, ma è da 5/6 partite che non riusciamo a vincere” ha dichiarato Martini a Radio Gold News “sabato arriva una gara per me diversa. Ho trascorso in maglia grigia anni che mi sono rimasti dentro. E’ stata una bella esperienza.”

Come giudichi, finora, il tuo campionato?

Magari all’inizio c’erano tante premesse. Ho giocato bene le prime 4/5 partite. Ora sto trovando poco spazio, ma non voglio dare un giudizio. E’ un periodo particolare. Spero di venirne fuori e di dare una mano alla squadra. Anche perché il campionato di quest’anno nasconde tante difficoltà. Sono sicuro di poter essere ancora utile.”

adv-434

Hai sentito qualche tuo ex compagno dell’Alessandria?

“Questa settimana no. Ma prima sì, sono rimasto molto amico con chi ha condiviso con me quegli anni. In questi giorni è meglio evitare vista la posta in palio. Ma sabato sarà molto bello ritrovarsi.”

Cosa ne pensi dell’Alessandria di quest’anno?

adv-827

Da fuori è difficile dare un giudizio. E’ una squadra costruita per fare un campionato di vertice anche perché non osserva la regola dei giovani. Ha dei giocatori che in questa categoria dovrebbero fare la differenza. Ma non è sempre facile viste le tante aspettative che ci sono. Credo che comunque hanno le potenzialità per stare più in alto in classifica.”  

Se segnassi sabato esulteresti?

“Un giocatore deve esultare se se la sente. Ma al di là di quello che succederà sabato da parte mia ci sarà sempre un grande rispetto per i tifosi dell’Alessandria perché mi hanno sempre trattato bene anche nei momenti difficili, mi sono sentito apprezzato, anche come uomo, non solo come calciatore. Già ad agosto quando sono tornato per la Coppa Italia ho riscontrato molto affetto nei miei confronti. E’ un segnale importante, una grossa soddisfazione.”