fausto coppi

CASTELLANIA – In tanti mercoledì mattina hanno reso omaggio a Fausto Coppi nella sua Castellania, in occasione dell’anniversario della scomparsa dell’Airone. Si sono così ufficialmente aperte le celebrazioni del centenario della nascita del Campionissimo: una lunga serie di eventi in programma fino al 15 settembre, nel piccolo paese tortonese e non solo. Ai microfoni di Radio Gold il sindaco Sergio Vallenzona ha anticipato alcune importanti novità.

“Innanzitutto abbiamo già inoltrato alla Regione la richiesta ufficiale di poter essere chiamati “Castellania Coppi“. Il percorso è già avviato, speriamo di concludere tutto entro il 15 settembre. Un altro auspicio è di posare, prima di quella data, la prima pietra del restyling del mausoleo“.

Per rinnovare la celebre opera che omaggia l’Airone l’amministrazione ha scelto un prestigioso studio di architetti: il “Mario Cucinella Architects” di Bologna. “Sono gli stessi che hanno curato il Padiglione Italia della Biennale di Venezia, hanno deciso di accompagnarci in questa avventura. L’ambizione è di essere ricordati per i prossimi 100 anni e quindi faremo qualcosa di importante, valorizzando ancora di più quello che già c’è”.

Intenzione del sindaco Vallenzona è anche invitare a Castellania i colleghi delle tante città dove Fausto Coppi lasciò il segno con le sue vittorie: Sanremo, Milano, Bormio, Roubaix e Lugano. Il 15 settembre sarà anche il giorno di arrivo della Caserta-Castellania, una corsa a tappe aperta ai ciclisti amatoriali che ripercorrerà il tragitto compiuto da Coppi nel 1945 quando tornò dalla prigionia in Africa: una rievocazione su due ruote dalla Campania al Piemonte, destinata a concludersi nel suo paese natale. “Quella di quest’anno sarà la prima edizione, aperta a 40/45 partecipanti”.

A fine maggio, poi, in occasione dell’arrivo a Novi della tappa del Giro d’Italia Castellania inviterà 19 “numeri uno”: “Fausto Coppi lo era nello sport, abbiamo deciso di celebrare insieme a lui altre figure che si sono distinte nell’arte, nello spettacolo, nell’imprenditoria, nella cultura, tutte della nostra provincia. Ovviamente il numero 19 non è scelto a caso”.

Da ricordare, inoltre, la cronoscalata Cassano Spinola-Castellania, in apertura del Giro d’Italia femminile, prevista il 5 luglio.

“Il Tour de France? Ieri in tanti mi hanno chiesto se ci sono novità” ha sorriso il primo cittadino Vallenzona “Sarebbe bello ma serve un portafoglio gonfio e noi di Castellania possiamo metterci solo tanta buona volontà. Sarei comunque felicissimo di ospitare qui gli organizzatori, magari insieme a quelli del Giro d’Italia, anche in un momento lontano dalle rispettive competizioni. Sarebbe un onore”.

Un mito, quello di Coppi, che non tramonterà mai: “Ieri c’erano tantissime persone, forse anche di più degli anni passati” ha concluso Vallenzona “anche alcuni stranieri. La maggior parte non aveva mai visto Coppi, ma sono venuti a rendergli omaggio comunque”.