Taekwondo: due ori per Laurene Ossin, la giovanissima alessandrina batte le migliori al mondo

ALESSANDRIA – È iniziato con due ori il 2022 di Laurene Ossin, promettente e giovanissima atleta di Taekwondo classe 2008 dell’ATC Warriors di Alessandria. Dopo l’oro e l’argento dello scorso autunno, tra febbraio e marzo la giovane alessandrina ha conquistato due ori in altrettanti appuntamenti internazionali, a Durazzo in Albania e a Lommel, in Belgio – quasi 1200 partecipanti in entrambe le competizioni.

adv-866

«Sono due gare di primissimo livello – commenta lo staff del’Atc Warriors di Alessandriala prima, la Taekwondo President’s Cup Europe 2022 era anche una gara valida per le qualificazioni ai prossimi campionati europei; la seconda e la più difficile, il Belgian Open 2022, è una gara internazionale che attira i migliori giovani atleti da tutto il mondo». Queste prestazioni dimostrano che l’atleta è uno dei talenti emergenti più interessanti del palcoscenico europeo: «Lauren ha conquistato la quarta medaglia su quattro gare internazionali di livello G2, un risultato straordinario considerando che per lei questa è la prima stagione di gare a questi livelli e guardando anche come sono arrivate le vittorie. Laurene ha dominato la propria categoria e non ha lasciato alcuna speranza di vittoria alle proprie avversarie».

Laurene, come detto, è atleta del club alessandrino ATC Warriors ed è allenata dai coach, Anuar Bykovskiy e Antonella Melotti, che ne sottolineano l’enorme talento ma anche e soprattutto un costante impegno e tanto duro lavoro e sacrificio: «Per garantire questo tipo di prestazioni, Laurene si allena sei volte alla settimana perciò, per conciliare l’impegno necessario per lo studio con quello per lo sport, la nostra atleta spesso rinuncia a un pezzetto delle distrazioni e della spensieratezza che caratterizzano giustamente i ragazzi della sua età: ma la forza del sogno olimpico per ora appare più importante».

adv-7

Al Belgian Open ha partecipato anche Matteo Di Natale, un’altra giovane promessa del club. Per lui è stata la prima volta per Matteo in campo internazionale e, nonostante la sconfitta, ha dimostrato di avere le carte in regola per togliersi grandi soddisfazioni in futuro. “Con un po’ più di esperienza e con il duro lavoro presto i risultati arriveranno anche per lui”.