Asti Teatro 44 – Venerdì 1 luglio

ASTI – Ritorna con la sua quarantaquattresima edizione Asti Teatro e lo fa con la sua collocazione temporale originaria, dal 23 giugno al 3 luglio. Lo storico festival di teatro nazionale e internazionale è organizzato dal Comune di Asti, con la collaborazione della Rete PATRIC e il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT, Fondazione CrAsti, Banca di Asti, MIBACT, ASP. Maggiore sostenitore è la Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena”

Venerdì 1 luglio

Dalle ore 10 alle 19 Palazzo Mazzetti – La Stanza (replica)

Ore 20 Spazio Kor

Prima nazionale: “Favola” Testo inedito di Fabrizio Sinisi – Ideazione, regia, costumi Giorgia Cerruti – In scena Giorgia Cerruti e Davide Giglio – In video Giorgia Cerruti, Davide Giglio e molte variopinte comparse – Uno spettacolo di Piccola Compagnia della Magnolia – Creazione 2022 – Progetto Vulnerabili 22.24

Due esseri umani segregati in una convivenza che è prigione e liberazione insieme, un dramma domestico e metafisico, dove il sogno di una vita diversa diventa il palcoscenico della fantasia e del desiderio, lo spazio dove mettere in scena le ossessioni, le oltranze, le divagazioni, i furori di una vita che sembra sempre troppo poco, una vita prigioniera di se stessa e che non basta mai. Un dramma di persone che sognano di essere altre persone. Chi non ha mai sognato di essere qualcun altro, qualcos’altro? Nel sogno altre verità ci parlano, ci sognano a loro volta di là dalla parete degli schermi: proprio quegli schermi dove per mesi ci siamo abituati a guardare il mondo. Il letto e lo schermo sono i due poli di questa piccola tragedia da camera contemporanea, di cui Pasolini con il suo Calderòn ha illuminato spazi che la drammaturgia italiana, spesso schiacciata in un naturalismo troppo rigido, non ha forse mai esplorato abbastanza.

Ore 22 Teatro Alfieri

“L’amore del cuore” di Caryl Churchill traduzione Laura Caretti e Margaret Rose – un progetto lacasadargilla – regia Lisa Ferlazzo Natoli con Tania Garribba, Fortunato Leccese, Alice Palazzi, Francesco Villano – suoni ambienti e spazio scenico Alessandro Ferroni – un progetto de lacasadargilla prodotto con La Fabbrica dell’Attore
con il supporto di Theatron Produzioni e il sostegno di Bluemotion

Un singolare testo sull’attesa, una storia familiare, punteggiata da fatti e incidenti non esplicitamente legati tra loro, ma percorsi tutti da una stessa preziosa inquietudine, in cui l’ordinaria perversità dell’istituzione familiare è letteralmente ‘gettata in scena’, per spingersi fino a un vero e proprio sabotaggio – della parola, del linguaggio, del teatro stesso e del sistema di segni attraverso la cui mediazione diamo senso al mondo. Scrittura, quella di Caryl Churchill, che, come un vaso di Pandora, è piena di affascinanti trabocchetti drammaturgici, d’invenzioni e sperimentazioni sul filo della lingua e dell’azione, sotto cui sono disseminati i temi, la messa in scena della realtà, la frattura tra questo rappresentare e il rappresentarsi, come società o come uomini, rincorrendo quella cosa chiamata verità.

Prevendite aperte presso la biglietteria del Teatro Alfieri e online su www.bigliettoveloce.it. Info 0141.399057 – 0141.399040. Prenotazioni www.allive.it

www.astiteatro.it , www.comune.asti.it

https://www.facebook.com/AstiTeatro , https://www.instagram.com/astiteatro/