ALESSANDRIA – Non più solo pensionati. Gli appezzamenti di terreno degli orti comunali di Alessandria, in viale Milite ignoto 1/A, ora potranno essere coltivati anche da persone che non hanno ancora raggiunto la pensione. La Giunta ha infatti deciso di modificare il precedente regolamento per destinare il 10% dei 180 appezzamenti di terreno a persone in difficoltà economica che abbiano compiuto sessant’anni.

L’amministrazione, hanno spiegato l’assessore all’Associazionismo, Monica Formaiano, e l’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Barosini, ha risposto a una richiesta avanzata dai volontari dell’Associazione “Orti in Città”  e ampliato la platea dei possibili fruitori degli appezzamenti di terreno destinati alla coltivazione di ortaggi. “In un momento così delicato dal punto di vista sociale, ci sembrava utile e doveroso riservare una quota dei terreni a  persone disoccupate, in cassa integrazione o che vivono una situazione economica difficile a causa della pandemia”.

Negli orti in viale Milite Ignoto la terra è buona per coltivare praticamente ogni tipo di ortaggio, ha garantito il vice presidente dell’Associazione Orti in città, Umberto Bellingeri.

I cittadini interessati a candidarsi per avere uno degli appezzamenti di terreno possono quindi contattare il Comune di Alessandria.

adv-113