ALESSANDRIA – Ieri la Commissione Toponomastica di Alessandria ha approvato la proposta di Emanuele Locci, presidente del Consiglio e capogruppo di Alessandria Migliore, di dedicare una via all’ex segretario dell’Msi Giorgio Almirante. “Per 40 anni è stato parlamentare, ha rappresentato milioni di persone” ha detto Locci “è giusto dare anche a lui un riconoscimento, come ad Alessandria è stato già fatto ad altri segretari di partito. Rimediamo a una lacuna di Alessandria. Manifesto della Razza? Non mi sembra che abbia contribuito a scriverlo. Almirante nasce in un periodo difficile della storia italiana, era capo di Gabinetto di un Ministro della Repubblica Sociale. Ma grazie a lui quella parte di paese che fu sconfitta fu condotta nel nuovo percorso repubblicano italiano. Diceva sempre “non rinnegare, non restaurare”, non ha mai considerato la restaurazione di quella parte della storia. Fu uomo delle Istituzioni e rispettoso della legge, credo che anche per questo rappresenti un esempio per chi fa politica oggi”.

A votare insieme a Locci anche i capigruppo di Forza Italia e SìAmo Alessandria Maurizio Sciaudone e Giuseppe Bianchini: “Una proposta che era già passata in Commissione nel 2010” ha ricordato Sciaudone “è stato sempre rispettoso e amato da tutti, lo ha riconosciuto ogni suo avversario politico. Lui non ha rinnegato il fascismo ma molti che facevano parte di quel periodo sono ricordati ancora oggi. Almirante, comunque, non andò mai oltre la legge e ha sempre rispettato le Istituzioni e la Costituzione”.

adv-569