Narrare l’antico: letteratura e cultura al Castello di Gambolò

GAMBOLÒ (PV) – Dal 27 febbraio al 13 marzo torna a Gambolò la nuova edizione di “Narrare l’Antico”, rassegna letteraria in Lomellina dedicata al romanzo storico. Nelle sale del Museo Archeologico Lomellino, posto nel circondario del Castello Litta-Beccaria, verranno presentati in tre incontri i romanzi protagonisti della serie 2022. Dalla Lombardia dei Visconti al Mediterraneo genovese e bizantino, ecco i romanzi di “Narrare l’Antico” 2022, fra avventure interminabili ed epiche battaglie.

Narrare l’Antico 2022 al Castello di Gambolò

  • Domenica 27 febbraio alle ore 16:00L’usurpatore” di Emanuele Rizzardi. Il basileus Andronico II ripone le sue speranze nel giovane nipote Alessio Filantropeno, incaricandolo di porre definitivamente fine alla pressione nemica e conservare quanto rimasto, prima che sia troppo tardi. Alessio, euforico all’idea di mettere in mostra le proprie qualità come comandante militare, scoprirà che gli intrighi, i giochi di potere e la guerra hanno sempre un prezzo da pagare, e le sue illusioni giovanili andranno incontro ad una realtà amara;
  • Domenica 6 marzo alle ore 16:00 “La Vipera e la Torre” di Alessandro Cuccuru. La morte dell’imperatore Federico II non porta la pace in Lombardia. La seconda parte del XIII secolo è infatti segnata da aspre e continue lotte per la conquista del potere, che vedono tra i protagonisti la nobile famiglia dei Visconti e quella dei Della Torre. Anche se gli occhi di tutti i grandi dell’epoca sono puntati sulla fiorente città di Milano, un ruolo importante è svolto dalle molte fortezze sparse nel Nord Italia. Tra queste spicca Castel Seprio, l’imprendibile presidio edificato ai piedi delle Prealpi, il cui destino si intreccia con quello di Riccardo, erede di un’antica casata, e di Sebastiano, figlio di un abile costruttore. La potenza delle armi si mescola a quella dell’ingegno con un unico obiettivo: impadronirsi a tutti i costi dell’antico castello, perché solo colui che riuscirà nell’impresa potrà dire di aver trionfato;
  • Domenica 13 marzo alle ore 16:00 “La Compagnia dell’Ariete” di Gabriele Branca. Esiliati dalla madrepatria, una Genova di fantasia, a seguito di un colpo di stato dell’aristocrazia terriera contro la rampante classe mercantile, un gruppo di seimila soldati fra balestrieri, picchieri e rematori (malevoglie) sotto la guida del console Ercole Adorno si ritrova a cercare un modo per sopravvivere ed evitare la condanna in contumacia. Sbarcati a Dyrrachium, città epirota del Sacro Impero, mettono le loro spade al servizio del basileus Manuele Secondo, imperatore di Bisanzio, trasformandosi in compagnia di ventura. Ercole Adorno, esponente di una ricca famiglia di mercanti, si ritrova così per la prima volta a fare il condottiero, compito che lo trova impreparato ma che affronta con tutti gli ardori giovanili e con l’aiuto del valido gruppo di ufficiali di carriera e dal praeventor (mago) della compagnia, l’aristocratico Vittore Dolceacqua, che lo accompagnano. Su suggerimento dello strategòs del thema, la compagnia di ventura prende il nome di Compagnia dell’Ariete, e ha il compito di proteggere la città di Dyrrachium dal giovane e aggressivo regno normanno …

L’ingresso per gli incontri di “Narrare l’Antico” è libero. Per informazioni e prenotazione posti, il sito museoarcheologicogambolo.altervista.org.

Iscriviti alla newsletter di Radio Gold Pavia per ricevere tutte le notizie direttamente nella tua casella di posta.

Per tutte le notizie sul tempo libero aggiornate in tempo reale cliccate sulla homepage di Vivere il Pavese

Al minuto 20 nelle ore dispari, il giornale radio di Vivere il Pavese

Seguite Radio Gold Pavia su Facebook e Instagram

Ascolta Radio Gold Pavia in streaming o sulle frequenze – Pavia Provincia: 87.9

Al minuto 20 nelle ore dispari, il giornale radio di Vivere il Pavese

Per rimanere aggiornato sulle notizie per il Tempo Libero: https://radiogold.it/news/categoria/vivere-pavese/