Coronavirus: la situazione in Piemonte di martedì 25 febbraio [IN AGGIORNAMENTO]

AGGIORNAMENTO 16.20 – L’ambasciata russa a Roma suggerisce ai propri compaesani di evitare i viaggi nelle regioni del Nord Italia. “Considerando che i focolai della diffusione del coronavirus e il maggior numero di contagiati si trovano prevalentemente nelle regioni settentrionali dell’Italia, e in particolare in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna, l’ambasciata consiglia fortemente che i russi si astengano dal viaggiare in queste regioni a meno che non sia assolutamente necessario“, si legge nel documento.

AGGIORNAMENTO 14.18 – Alberto Cirio ha chiesto ufficialmente “al presidente del consiglio Conte di attivare da subito misure straordinarie per le attività commerciali e gli alberghi e per le economie piemontesi“. Il governatore del Piemonte ha anche spiegato di aver “deciso di non chiudere i bar dalle 18 di sera alle sei del mattino e i negozi. L’ho ritenuta una misura esagerata rispetto alla situazione del Piemonte. Sono contento che anche i presidenti del Veneto, Luca Zaia, e dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, l’abbiano pensata come me. Sarebbe stato, oltre a rischio psicosi, anche un danno economico grande“.

AGGIORNAMENTO 11.44 – Sono partite questa mattina le attività di sanificazione dello stabilimento Lamberti di Viguzzolo dopo la sospensione precauzionale dell’attività lavorativa avvenuta nella giornata di ieri. Il gruppo aveva deciso di chiudere lo stabilimento dopo che un dipendente aveva informato l’azienda di essere stato a contatto con una persona risultata positiva al Covid-19.

AGGIORNAMENTO 11.30 – Il governatore del Piemonte Alberto Cirio ha rispedito al mittente le parole del premier Conte che prospettava un possibile commissariamento delle regioni per la gestione dell’emergenza coronavirus.

AGGIORNAMENTO 10.50: L’allerta Coronavirus blocca anche il concorso per l’assunzione dei Vigili Urbani ad Alessandria. 14 gli aspiranti agenti della Polizia Municipale.

AGGIORNAMENTO 10.04 – Tampone negativa per la bimba ricoverata al Regina Margherita di Torino per accertamenti. Lo ha comunicato il governatore Alberto Cirio: “Il Piemonte è una regione di 4 milioni e mezzo di abitanti e tre casi positivi. Il quarto, una bambina, era in dubbio ed è risultata negativa. Sono casi che arrivano dalla Lombardia, uno dalla Cina. Non siamo una regione focolaio“, ha spiegato ai microfoni di Agorà su Rai Tre.

AGGIORNAMENTO 08.52 – In ottemperanza all’ordinanza del Ministero della Salute e della Regione Piemonte, sino a venerdì 28 febbraio l’accesso agli uffici comunali di Tortona nei consueti orari di apertura al pubblico sarà possibile solo su prenotazione.

AGGIORNAMENTO 08.16 – È stato sospeso il Seeyousoun International Music Film Fetsival, previsto al Cinema Massimo di Torino da lunedì 24 febbraio al primo marzo, per l’emergenza coronavirus. “Abbiamo dovuto sospendere il festival. Appena sarà possibile cercheremo di organizzare qualche evento previsto. Speriamo che istituzioni, sponsor e pubblico ci sostengano”, ha spiegato Carlo Griseri.

PIEMONTE – Nella serata di ieri, lunedì 24 febbraio, la Regione Piemonte ha diramato un comunicato per chiarire alcuni punti in merito all’ordinanza di domenica nell’ottica di contenimento di diffusione del Coronavirus.

Palazzo Lascaris ha stabilito che non verranno sospese le attività che riguardano la pratica di corsi sportivi e amatoriali (palestre) ma non si potrà accedere a docce e spogliatoi. Possono restare aperti anche i centri linguistici privati, le scuole guida e i centri musicali prive di una grande concentrazione di pubblico. Aperte anche attività economiche, agricole, produttive, sanitarie e sociosanitarie, commerciali, i pubblici esercizi, le mense, i mercati e i dormitori di pubblica utilità. 

Rimangono invece chiuse le piscine e quelle manifestazioni che prevedono un grosso afflusso di gente.