adv-4

CASALE MONFERRATO – Tra le attività che hanno maggiormente sofferto il lockdown che ha paralizzato l’Italia per due mesi c’è sicuramente quella legata al mondo dello spettacolo. Con l’allentarsi dell’emergenza sanitaria, però il settore dello spettacolo dal vivo sgomita per riprendersi i suoi spazi così importanti per la società locale e nazionale. Attualmente sono in corso di studio e definizione le regole tecniche da adottare in teatri, cinema, sale polifunzionali per consentirne la riapertura in sicurezza.

Da Casale Monferrato l’Amministrazione comunale fa sapere che “anche il nostro Teatro Municipale ha sofferto le conseguenze della lunga sosta forzata. Oltre all’interruzione delle attività e dei servizi forniti a pubblico e associazioni, anche le molte maestranze esterne coinvolte (le maschere, i tecnici audio/luci e vari altri professionisti), come gli artisti e le compagnie teatrali, da più di due mesi, ormai, non lavorano e non percepiscono reddito“. Il blocco per contrastare la diffusione del Covid-19 ha portato nella città monferrina alla sospensione di otto spettacoli della stagione teatrale e di circa una ventina di eventi organizzati da terzi programmati tra fine febbraio e giugno.

Alcuni eventi non potranno essere recuperati (si pensi, ad esempio, ai saggi di danza); altri spettacoli, come quelli della stagione teatrale, li recupereremo appena possibile. Stiamo progettando una ripresa autunnale/invernale degli spettacoli sospesi per poi partire con una nuova, anche se probabilmente ridotta, stagione teatrale“, spiegano ancora dal Comune guidato da Federico Riboldi. Da qui la volontà di rilanciare il Teatro con iniziative rivolte al pubblico. “Avendo interrotto la programmazione mentre l’attività di vendita era ancora aperta, molti spettatori si sono ritrovati in possesso dei biglietti degli spettacoli non realizzati. Questi biglietti restano validi per le repliche che riprogrammeremo o potranno essere convertiti in buoni acquisto per i nuovi spettacoli della prossima stagione teatrale“, si legge nella nota.

adv-128

Quindi sarà necessario conservare i biglietti non utilizzati e contattare per ogni informazione gli uffici del teatro alla mail [email protected] o al numero telefonico 0142.444314. “Ripartiremo appena sarà possibile assicurare adeguata sicurezza e prevenzione al pubblico, agli artisti e a noi stessi. Una riapertura che sarà probabilmente graduale e condizionata dalle disposizioni contro la diffusione del virus, perché con tali indicazioni dovremo fare i conti adattando le nostre attività e la scelta degli spettacoli“, spiega ancora il Comune che sottolinea come un apposito Comitato Tecnico Scientifico Ministeriale stia lavorando proprio sulle riaperture in sicurezza dei cinema e dei teatri.