CASALE MONFERRATO – I controlli del territorio da parte dei Carabinieri di Casale Monferrato hanno portato, nei giorni scorsi, alla denuncia di diverse persone. In particolare i militari di Ticineto, dopo la segnalazione di un cittadino di Valenza, hanno denunciato in stato di libertà per danneggiamento e appropriazione indebita un operaio di 30 anni. L’uomo, inquilino di un alloggio della vittima, tra ottobre 2018 e febbraio 2020, avrebbe danneggiato l’appartamento appropriandosi di materiali edili all’interno dell’alloggio provocando un danno di circa 2.000 euro. Un agricoltore di 66 anni è stato invece denunciato per essersi introdotto nell’abitazione adiacente a quella dell’ex moglie, portando via materiale da giardinaggio. In questo caso l’uomo è stato denunciato per furto aggravato.

Nei guai è finita anche una 26enne rumena residente a Casale, pregiudicata, che, insieme a due minori di 14 e 17 anni, è stata sorpresa a rubare generi alimentari e cosmetici per 500 euro. I Carabinieri di Ottiglio hanno recuperato la merce e denunciato la 26enne per furto aggravato in concorso. È invece accusata di furto con destrezza una 29enne marocchina residente a Casale Monferrato, pregiudicata e tossicodipendente. La donna, in un oratorio casalese, si sarebbe impossessata del portafoglio di un cittadino di Ozzano, da cui ha portato via la tessera bancomat prelevando anche 200 euro. I Carabinieri di Ozzano hanno ricostruito la vicenda e denunciato la malvivente. Infine i Carabinieri della Stazione di Cerrina hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato di energia elettrica un 60enne di Solonghello, autore di un allacciamento abusivo alla rete pubblica